menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gaetano Tafuri

Gaetano Tafuri

Pizzo "a rate" e minacce a imprenditore, arrestato palermitano

E' successo nel Modenese. In manette un trentottenne considerato un "professionista del settore". La vittima aveva già consegnato 3.000 euro al suo taglieggiatore

Sono passati anni, vissuti nel terrore per la propria incolumità e per quella dei familiari, prima che un ex imprenditore edile emiliano trovasse il coraggio di denunciare un'estorsione a proprio danno. In manette è finito Gaetano Tafuri, palermitano di 38 anni. La vicenda è stata seguita con molta attenzione dagli agenti della polizia locali, che dopo accurate indagini hanno chiesto e ottenuto l'arresto del taglieggiatore e la denuncia per il mandante. 

Il tutto, infatti, sarebbe stato architettato da un imprenditore del Modenese, con il quale la vittima aveva avviato una società poi chiusa. Di fronte ad alcune cartelle esattoriali l'imprenditore avrebbe quindi deciso di rifarsi sull'ex socio, assoldando un noto criminale residente da tempo nella Bassa e con alle spalle precedenti per estorsione e altri reati. Si tratta proprio di Tafuri, peraltro scarcerato solamente lo scorso gennaio dopo l'ennesimo periodo passato in cella. 

Tafuri si è posto quindi come “intermediario”, chiedendo al malcapitato una cifra di 40 mila euro per conto dell'ex socio, millantando un debito contratto al momento della cessazione dell'ex impresa edile. I contatti si sono poi susseguiti, con pressioni e minacce telefoniche, che hanno permesso all'estorsore di incassare in più “rate” circa 3.000 euro, che l'ex imprenditore aveva consegnato nella speranza di liquidare Tafuri e la sua insistenza. Il taglieggiatore aveva mantenuto un atteggiamento quasi distaccato, fingendosi amico, ma evocando la possibilità che l'ex socio potesse decidere di passare alle vie di fatto, inviando alcuni giovani picchiatori albanesi a casa dell'imprenditore.

Negli scorsi mesi la situazione era diventata ancora più insostenibile: ad un incontro con la vittima Tafuri era stato accompagnato anche da un uomo, con una cicatrice sul volto e un fare minaccioso, presentato proprio come uno di quegli albanesi pronti a passare alle vie di fatto. Di fronte a questa ennesima minaccia e alla pressante richiesta di saldare la restante cifra per coprire i 40mila euro di presunto debito, il 37enne finalese ha trovato la forza di chiedere l'intervento della polizia, cui ha denunciato tutto quanto era accaduto negli anni.

I poliziotti, dopo intercettazioni e pedinamenti per verificare ogni dettaglio della storia, hanno organizzato insieme alla vittima una consegna di denaro per tendere una trappola al taglieggiatore. Quando Tafuri si è presentato e ha ritirato una somma di 1.000 euro, è scattato il blitz della polizia, che lo ha bloccato e arrestato con l'accusa di estorsione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento