Furti, estorsioni e minacce a Camporeale, sgominata la banda del terrore: 7 arresti

I malviventi avevano la base operativa in alcuni alloggi occupati abusivamente nel complesso residenziale di piazza Delle Mimose. A capo dell'organizzazione Maurizio Mulè: era lui a scegliere gli obiettivi e dare supporto logistico

Associazione a delinquere finalizzata a compiere furti, intimidazioni ed estorsioni. Con queste accuse in sette sono finiti in manette. Anche due donne all'interno della banda che da anni seminava il terrore a Comporeale. In arresto Maurizio Mulé, 26 anni di Partinico, Salvatore Lazzara, 30 anni di Alcamo, Barbara Lombardo, 33 anni, Vincenza Ferdico, 24 anni, Francesco Mulè, 28 anni, di Partinico, Calogero Mulè, 30 anni di Partinico, e Vincenzo Mulè, 25 anni di Alcamo.

"Io a te vengo a 'chiamo': le intercettazioni | Video

Ad eseguire i provvedimenti - disposti dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal pm Enrico Bologna - i carabinieri di Partinico. L'indagine, condotta dai militari, è iniziata dopo alcuni incendi dolosi di auto e autocarri nel territorio di Camporeale. Sin dalle prime battute la presenza nel comune di un'organizzazione è stata chiara. In alcune intercettazioni gli investigatori hanno trascritto le richieste di aiuto di imprenditori vittime di attentati e minacce. I malviventi convincevano i residenti che subivano furti ed estorsioni a non parlare, a non denunciare, grazie al potere dell'intimidazione. Anche le due donne, secondo quanto accertato dalle indagini, avrebbero avuto un ruolo attivo nell'organizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La banda aveva la base operativa in alcuni alloggi del complesso residenziale di piazza Delle Mimose, occupati abusivamente. A capo dell'organizzazione Maurizio Mulè, già sotto sorveglianza (non poteva uscire nelle ore notturne): era lui a scegliere gli obiettivi e a dare supporto logistico.

L'intervista al capitano dei carabinieri di Partinico | Video

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento