menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il raid in casa dopo le richieste di denaro: 3 arresti per estorsione

In manette sono finiti 3 malviventi del Borgo. Per convincere la vittima a cedere alle pressioni hanno danneggiato gli esterni della sua abitazione lasciando una scritta intimidatoria. Bloccati in piazza Sturzo dopo un inseguimento

Avevano messo nel mirino un uomo di Giacalone che – in maniera del tutto legale – aveva racimolato una grossa somma di denaro. Ma la vittima si era rifiutata di assecondare le loro richieste di soldi e così dalle minacce si è passati ai fatti: ieri sera si sono diretti verso la sua abitazione mettendo a segno un vero e proprio raid. In manette con l’accusa di tentata estorsione sono finiti: Ignazio Balistreri, 34 anni; Cesare Gennaro di 42 e Marco La Vardera di 20. Tutti di Borgo Vecchio.

GUARDA IL VIDEO DELL'INSEGUIMENTO

Dopo avere compiuto il blitz a Giacalone, danneggiando gli esterni dell’abitazione della vittima e lasciando scritte intimidatorie, i malviventi a bordo di una opel Corsa hanno fatto strada verso Palermo. Nel frattempo alcuni testimoni avevano segnalato la targa dell’auto alle forze dell’ordine. Numerose volanti della Questura quindi hanno strategicamente presidiato le principali arterie di accesso alla città, in costante e coordinato contatto radio con la sala operativa. Individuando la vettura nei pressi di via Roma.
 
Ne è scaturito un inseguimento che si è concluso nei pressi di piazza Sturzo, dove i fuggitivi sono stati bloccati e costretti ad arrendersi. Nel cofano e sotto i sedili della vettura sono stati rinvenuti una pistola (un revolver calibro 38 rifornita di 4 cartucce) risultata rubata, alcuni  passamontagna e numerose fascette da elettricista, una chiave adulterina, guanti in lattice e di cotone ed alcuni taglierini. Altre fascette, passamontagna, guanti e taglierini sono stati rinvenuti nell’abitazione di uno dei tre fermati, nonché due telefoni cellulari ed un documento d’identità appartenenti a una delle due vittime e sottratti nei giorni scorsi, a garanzia della consegna del denaro richiesto.
 
I tre sono stati arrestati e portati in carcere. “Le indagini – fanno sapere dalla Questura - stanno esplorando ogni ambito possibile e non si esclude che la vicenda possa inquadrarsi nella cornice della criminalità organizzata locale”.

(Nelle foto in basso Ignazio Balistreri, Marco La Vardera, Cesare Gennaro e gli "attrezzi" sequestrati)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento