Come funziona il cervello umano? Al via "Esperienza inSegna 2018"

Presentato "Human Brain Project", che mira a realizzare un modello che potrà portare a nuovi approcci per la comprensione ed il trattamento di malattie cerebrali quali alzheimer, schizofrenia, epilessia, autismo o trattamenti contro l’invecchiamento

Al via stamattina "Esperienza inSegna 2018", la manifestazione di divulgazione scientifica organizzata da Palermoscienza, con la partecipazione straordinaria di Human Brain Project (Hbp), un rivoluzionario progetto di ricerca nel campo delle neuroscienze.  Con 118 Partner, 19 Nazioni coinvolte, 12 Sotto progetti, 6 Piattaforme scientifiche (Neuroinformatics, Brain Simulation, High Performance Computing, Medical Informatics, Neuromorphic, Neurorobotics), Human Brain Project, coordinato dal Politecnico di Losanna è uno dei progetti di ricerca più grandi mai realizzati.

Il progetto mira a realizzare un modello del funzionamento dell’intero cervello umano, che potrà portare a nuovi approcci per la comprensione ed il trattamento di malattie cerebrali quali alzheimer, schizofrenia, epilessia, autismo o trattamenti contro l’invecchiamento. Nel 2013 è stato selezionato dalla Commissione Europea come progetto bandiera di ricerca e sviluppo dell’Unione Europea, insieme al progetto Grafene. “Human Brain Project è un importante punto di riferimento mondiale per la ricerca nel campo delle neuroscienze, e siamo particolarmente orgogliosi che uno dei pochissimi gruppi di ricerca italiani sia proprio qui a Palermo, presso l’istituto di Biofisica del CNR. – dichiara il professore Michele Migliore, responsabile del progetto a Palermo -. In questi giorni siamo presenti ad Esperienza inSegna per presentare il progetto alla città ed agli studenti delle scuole cittadine: loro rappresentano il futuro che Human Brain Project contribuirà a cambiare".

Esperienza inSegna 2018-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Hbp sarà presente a Esperienza inSegna fino al 25 febbraio, nell’Edificio 19 (Polididattico) in viale delle Scienze, nei pressi delle aule 11 e 12. Ogni ora, in aula 11, delle brevi conferenze introduttive sul lavoro del gruppo di Palermo in Human Brain Project: dimostrazioni sul funzionamento del cervello, in particolare dell’ippocampo e del bulbo olfattivo. Il 27 alle 9.30 conferenza interattiva per le scuole (previa prenotazione) “Human Brain Project: ultima frontiera. La coscienza tra scienza e filosofia”; con Michele Migliore e Marcello Briguglia. Presente nello stand anche MiRo, il “robot che pensa come un animale”, controllato da un software realizzato sul modello del cervello biologico, ed è sensibile al tatto, alla luce, al movimento ed in grado di interagire con le persone e l’ambiente circostante. MiRo è sviluppato dall’Università di Sheffield con il supporto di Human Brain Project.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento