"Salviamo Emmaus Palermo": l'appello di 20 consiglieri comunali

Il mercatino solidale dell’usato rischia di chiudere i battenti: i volontari, che svolgevano la loro attività nel padiglione 3 della Fiera del Mediterraneo, sono stati costretti ad andarsene

Emmaus - economiacircolare.com

Addio al mercatino solidale dell’usato Emmaus Palermo? La struttura rischia infatti di chiudere i battenti, con i volontari, che svolgevano la loro attività nel Padiglione 3 della Fiera del Mediterraneo, che sono stati costretti ad andarsene perché è necessario effettuare dei lavori urgenti. Adesso, per salvare Emmaus, scendono in campo 20 consiglieri comunali. Che hanno deciso di lanciare un appello.

Si tratta di: Valentina Chinnici, Paolo Caracausi, Massimo Giaconia, Claudia Rini, Antonino Sala, Rosario Arcoleo, Milena Gentile, Katia Orlando, Barbara Evola, Fausto Melluso, Marcello Susinno, Francesco Bertolino, Dario Chinnici, Carlo Di Pisa, Valentina Caputo, Giulio Cusumano, Giovanni Inzerillo, Caterina Meli, Giuseppina Russa, Ottavio Zacco.

"Noi, consigliere e consiglieri di maggioranza, che proprio nelle ultime settimane abbiamo profuso il massimo impegno e condiviso tutta la responsabilità per atti decisivi tesi a mettere in sicurezza l'azienda Rap e a garantirne la gestione pubblica - si legge in un passaggio dell'appello - ci rendiamo disponibili a trovare tutte le soluzioni utili perché l'attività di Emmaus possa non solo continuare, ma anzi divenire modello virtuoso per altre iniziative simili, che considerano i rifiuti non solo scarti, ma vere e proprie opportunità di economia circolare".

Il testo completo

Il miglior rifiuto è quello non prodotto: salviamo Emmaus Palermo. Dal 1949 il Movimento Emmaus, fondato a Parigi dall’Abbé Pierre, unisce l’economia circolare ed ecologica alla solidarietà, secondo un paradigma di giustizia sociale e ambientale, che considera i diritti umani e i diritti della natura come fortemente interconnessi. Le 350 comunità Emmaus, presenti in tutti i continenti, si autofinanziano a partire dalle persone vittime di povertà e dagli scarti materiali della società, dando una seconda vita alla merce usata al fine di sostenere un’accoglienza per chiunque viva nella fragilità.

Emmaus non riceve finanziamenti pubblici, secondo una prassi di creazione di autonomia delle persone scartate che, lavorando al riuso della merce raccolta, autosostengono la comunità e diventano essi stessi finanziatori di ulteriore solidarietà a catena.

Dal 2015 ad oggi Emmaus Palermo ha recuperato circa 90 tonnellate di ingombranti, 40 tonnellate di oggetti, 40 tonnellate di vestiti e circa 12 tonnellate di materiali differenziati e riciclati tra cui la carta. Tutto materiale altrimenti destinato alla discarica. Storicamente  Emmaus svolge anche, nei territori ove presente una filiera sostenibile, il recupero dei materiali di scarto tramite la separazione di
metalli, carta, vetro, plastica; ma anche attività di riparazione e riuso creativo tramite falegnamerie e ciclofficina.

Purtroppo proprio in questi giorni abbiamo appreso con dispiacere che Emmaus Palermo ha dovuto interrompere il suo servizio di mercato dell’usato alla nostra comunità cittadina per problemi legati alla concessione del padiglione 3 della Fiera del Mediterraneo, divenuto in questi anni un vero e proprio Centro del riuso e punto di riferimento per migliaia di cittadini e cittadine.

Noi, consigliere e consiglieri di maggioranza, che proprio nelle ultime settimane abbiamo profuso il massimo impegno e condiviso tutta la responsabilità per atti decisivi tesi a mettere in sicurezza l’azienda Rap e a garantirne la gestione pubblica, ci rendiamo disponibili a trovare tutte le soluzioni utili perché l’attività di Emmaus possa non solo continuare, ma anzi divenire modello virtuoso per altre iniziative simili, che considerano i rifiuti non solo scarti, ma vere e proprie opportunità di economia circolare. Non mancano esempi nel resto d’Italia, dove alcune Associazioni Emmaus locali hanno delle convenzioni dirette con i Comuni e con le aziende di raccolta. A Cuneo, ad esempio, il camioncino Emmaus passa per il ritiro in strada degli ingombranti prima del mezzo del Comune, per recuperare eventuali mobili riutilizzabili, mentre a Cremona il Comune ha creato, insieme ad Emmaus, un Centro per il Riuso ove la cittadinanza conferisce materiale perché venga riutilizzato a fini solidali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E’ una partita delicata e importante, che non deve costituire un ulteriore “peso” per Rap, ma semmai una risorsa per le attività produttive della nostra città, che, siamo certi, potranno al più presto individuare un altro bene del patrimonio di Palermo da concedere in comodato d’uso, e nel rispetto delle norme vigenti, a Emmaus Palermo, che, ricordiamo, ha contribuito in questi 5 anni a dare nuova vita non solo a tonnellate di “oggetti”, ma soprattutto a rendere di nuovo protagoniste della propria esistenza 25 persone, proprio come fece l’Abbé Pierre nel ‘49 con Georges, un uomo disperato e sull’orlo del suicidio, a cui il prete e deputato francese si rivolse così: “Georges, io non ho nulla da darti, ma tu, prima di ritentare di suicidarti, non potresti venirmi ad aiutare a costruire case per i senza tetto di Parigi?” Di fronte a questa proposta così provocatoria, – racconta l’Abbé – “il volto di Georges cambiò. Capì che, nonostante tutto, poteva ancora essere utile a qualcuno”…e Georges accettò. In quel momento, nacque la prima comunità Emmaus”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • Matrimonio con Coronavirus: invitato positivo al Covid, oltre 90 persone in quarantena

  • Commessi positivi in un negozio di tolettatura all'Uditore, controlli anche sui cani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento