menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

In due giorni rimosse tremila tonnellate di rifiuti, ma Rap avvisa: "Il problema resta Bellolampo"

Proseguono gli interventi straordinari per smaltire gli arretrati. Riprendono le attività per l'avvio della differenziata nella zona di Settecannoli ed è tutto pronto per il passaggio di 94 operai Reset. Il direttore generale Roberto Li Causi: "In mancanza di soluzioni alternative della Regione sugli impianti, la situazione è destinata ad aggravarsi nuovamente"

La promessa della Rap era quella di rimuovere i rifiuti rimasti in strada entro l'Immacolata, in realtà la mole di immondizia abbandonata ha portato alla prosecuzione degli interventi anche dopo il giorno festivo. L'azienda ha reso noto che sono complessivamente 2.921 le tonnellate di rifiuti abbandonati in strada raccolte da lunedì a ieri mattina agli operai e continuano anche gli interventi per il recupero degli ingombranti. Oggi saranno in campo 8 squadre, di cui alcune dedicate ai servizi di ritiro ingombranti a domicilio e altre che interverranno nei quartieri Uditore e Oreto. Nelle giornate di lunedì e martedì gli operai della Rap sono intervenuti in 24 vie, prelevando 1.171 pezzi di ingombranti. Dall'inizio del mese sono stati ritirati 3.706 ingombranti.

In queste ore le squadre sono impegnate al villaggio Santa Rosalia (dove restano di definire le vie San Raffaele Arcangelo, via La Fata, via Cesalpino); a Falsomiele (via dell'Allodola, via Cingallegra, via Emily Balch). E ancora in via Altofonte, a Bonagia (via del Levriere, Antilope, Largo Fasci siciliani, via del Volpino e via del Visione); al Cep e a Borgo Nuovo (via Luigi Cosenz, via Santissimo Isidoro); a Pallavicino e a Mondello ( via della Resurrezione, via Mercurio, via Aiace). Da programmare gli interventi allo Zen (via Franco Franchi, via Ludovico Bianchini, via Costante Girardengo, via Rocky Marciano, via Pensabene).
 
La raccolta dei rifiuti accumulati rappresenta solo un passaggio del cammino, ben più lungo, per uscire dall'emergenza. Resta il nodo discarica e smaltimento, si deve aumentare la percentuale di rifiuti differenziati e c'è poi il capitolo del personale.

Bellolampo

"Nonostante le difficoltà di questo periodo, legate tra l'altro alla carenza di impianti in Sicilia, la Rap ha fatto fronte con interventi straordinari al superamento dell’emergenza rifiuti a Palermo. Ma come più volte detto, rimane il problema Bellolampo", puntualizza il direttore generale Roberto Li Causi. "Da parte nostra - spiega - si sta portando avanti ogni azione utile a potenziare la capacità di trattamento dell’impianto di Bellolampo ma, in mancanza della indicazione di impianti di smaltimento cui conferire i rifiuti prodotti dalla Città di Palermo ovvero in mancanza di soluzioni alternative della Regione, la situazione è destinata ad aggravarsi nuovamente. In questi giorni vi è stata la massima collaborazione con l’Amministrazione comunale ma in atto sarebbe necessaria la, massima, collaborazione di tutte le Istituzioni per poter affrontare il problema dello smaltimento dei rifiuti evitando nuove emergenze in Città, i cui effetti, in termini di danno ambientale e di immagine, non potranno essere certo attribuiti alla Rap".

La raccolta differenziata

Stanno ripartendo in questi giorni, come annunciato dallo stesso presidente Norata, le attività per l'avvio del quinto step di "Palermo Differenzia 2" nella zona di Settecannoli. "Entro i primi tre mesi dell'anno nuovo - assicura Norata - il servizio sarà attivo per altre 12.000 utenze. Le modalità di ritiro, le istruzioni per una corretta raccolta differenziata, nonché il calendario dei giorni e orario dei conferimenti saranno trasmessi direttamente presso il domicilio dei residenti dell'area coinvolta prima dell'avvio". 

Dopo un brusco stop sulle consegne dei kit per le famiglie non ancora in possesso dei mastelli, a causa dell'emergenza Covid, Rap, il Comune e la Srr Palermo Area metropolitana avvieranno, nuovamente, la distribuzione tramite una nuova modalità di accesso per il personale. "Una voce rilevante per rendere al meglio il servizio della differenziata e dello spazzamento sarà il passaggio in mobilità dei lavoratori della Reset a Rap", conclude il presidente dell'azienda di igiene ambientale cittadina. 

I lavoratori

Altro aspetto è quello del personale, da potenziare. Il presidente Rap Giuseppe Norata ha annunciato che oggi "preso atto delle direttive emanate dall'Amministrazione comunale e dei pareri positivi espressi anche dall'avvocatura comunale, si svolgerà un Cda nel quale si darà avvio definitivamente al procedimento di passaggio/assunzione dei 94 dipendenti della Reset che andranno a rimpinguare la carenza di personale in forza all'azienda".  


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento