Cronaca

Emergenza rifiuti, Orlando: "Presto nuovi step del 'porta a porta'"

Le parole del sindaco sulla questione immondizia, assai calda in questi giorni: "Stiamo lavorando per fare del sito di Bellolampo un polo innovativo e puntiamo sull'aumento della differenziata"

"Credo che ai cittadini interessi e che i cittadini abbiano il diritto di pretendere la regolarità dei servizi e la prospettiva di uscire definitivamente da una situazione di criticità ricorrente". Sono le parole del sindaco Leoluca Orlando che oggi pomeriggio è intervenuto sulla vicenda relativa all'emergenza rifiuti.

"E' nota a tutti la condizione di criticità regionale pluridecennale dovuta all'assenza di impianti pubblici e a una mancata attenta programmazione - dice Orlando -. Certamente è nota ai Governi regionale e nazionale con i quali l'Amministrazione è in continuo contatto.
Occorre, infatti, al di là delle posizioni di partenza di ciascuna amministrazione, il massimo di impegno e di collaborazione istituzionale, per uscire, come si sta uscendo, non solo dalla recente emergenza, ma anche da una situazione complessiva di deficit strutturale. Per questo stiamo lavorando a fare del sito di Bellolampo un polo innovativo e puntiamo sull'aumento della differenziata, anche con il prossimo avvio di nuovi step del 'porta a porta'. Tutto ciò è doveroso e oggi è anche possibile, grazie alla disponibilità del Governo nazionale, includere nel piano del Recovery Fund i necessari investimenti per il sistema dei rifiuti nel palermitano".

Orlando ha concluso: "E’ questo l’unico modo per salvaguardare, come l'Amministrazione comunale intende irreversibilmente salvaguardare, la proprietà pubblica degli impianti, così come la gestione pubblica dei servizi, contrastando un sistema che da decenni registra un oligopolio di soggetti privati e che è oggi fortemente in crisi con un danno all'intera collettività".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza rifiuti, Orlando: "Presto nuovi step del 'porta a porta'"

PalermoToday è in caricamento