rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca Cinisi / Strada Statale 113

Cinisi-Terrasini, la storia continua: l'emergenza rifiuti è infinita

Da settimane la spazzatura in alcuni punti dei due paesi non viene raccolta e rimonta la protesta dei cittadini e dei comitati che chiedono agli amministratori: "Dimissioni subito"

Ci risiamo. Cinisi e Terrasini sono nuovamente una discarica a cielo aperto: i rifiuti hanno invaso le strade. Le situazioni più critiche in due diversi punti della strada statale 113 a Terrasini: poco prima del semaforo (a pochi metri dalla scuola) e subito dopo il cimitero, in quella che dovrebbe essere un'area pargheggio (vedi foto).

A Cinisi invece le cataste di spazzatura più imbarazzanti, oltre che pericolose, all'ingresso del paese e in zona Pozzillo. In particolare nei pressi della rotonda e dell'incrocio che porta in spiaggia è diventato complicato passare con l'automobile.

Pozzillo invasa dai rifiuti

Cinisi, rifiuti a fuoco in via Abate

La puzza è insostenibile e la protesta sta ricominciando a montare nella popolazione locale. "Ne va dei nostri figli, della nostra salute, delle nostre tasche, vogliamo svegliarci oppure no? Oppure aspettiamo e crediamo ancora alle favole o alle promesse del cielo?", si domanda il Comitato Ripuliamo Cinisi Terrasini e l'ambiente.

"Cari Sindaci, cari consiglieri tutti, abbiate un minimo di dignità, alzate il ... e muovetevi!!! Pensate a risolvere la situazione, contattate l'Asp, il prefetto, la Regione Sicilia, gli organi competenti, la magistratura, minacciate la consegna delle fasce tricolore, ma, non fate finta di niente, non scaricate ad altri senza avere mosso un dito, oppure andatevene tutti a casa. DIMISSIONI!", conclude.

Emergenza rifiuti Cinisi-Terrasini 22 agosto 2013

I sentimenti che i cittadini stanno provando e che condividono su Facebook vanno dalla rabbia alla vergogna. Sulla pagina del Comitato c'è chi ringrazia "l'amministrazione per il mondizzaio in cui anno trasformato il nostro paese ma soprattutto per la diffidenza che mostrano perché da ora in avanti è più importante preparare la squadra per non perdere il potere. Vergognatevi" e chi pensa a chi in Sicilia viene a trascorrere le vacanze "che bello spettacolo che diamo ai turisti....complimenti a chi, nonostante sia pagato profumatamente (parlo dei funzionari pubblici) riesce a dormire la notte sogni beati.... un giorno i vostri figli/nipoti vi ringrazieranno per la bell'immagine che state dando al mondo di questa splendida isola".

C'è anche chi alla spazzatura dedica delle strofe. Di seguito il testo della poesia "A MUNNIZZA":

Ca munnizza mezzo a strata
un ni putemo manco fare na passiata.
Un gelato ni vuliamo pigghiare ma pi lu feto
appamo a scappare.

Certo accussi un si può continuare,
na soluzione amo attruvare,
pi malatie un ni pigghiare…

Sante parole!!

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinisi-Terrasini, la storia continua: l'emergenza rifiuti è infinita

PalermoToday è in caricamento