menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rotoli, il sindaco chiede un prelievo dal fondo di riserva per acquistare 380 loculi prefabbricati

Secondo Orlando, con 800 mila euro, si potrebbe "nell'immediato futuro" ridurre il numero di bare nei depositi del cimitero. La somma però basterebbe solo per una prima fornitura e comunque, dopo l'ok della ragioneria, sarà necessaria una gara d'appalto

Con una nota inviata al segretario generale, al ragioniere generale, al presidente del Consiglio e al collegio dei revisori, il sindaco Leoluca Orlando chiede di poter prelevare "urgentemente" 800 mila euro dal fondo di riserva per "l'acquisto e la posa in opera di loculi prefabbricati fuori terra" ai Rotoli. Si tratta, spiega il primo cittadino, di un intervento "non procrastinabile" per ridurre il numero di bare accatastate nei depositi del cimitero: circa 700 salme che attendono da svariati mesi una degna sepoltura.

Emergenza cimiteri, Orlando al Consiglio: "Ne rispondo io"

Più che altro però la nota di Orlando è un segnale politico all'indirizzo del Consiglio dopo le tre sedute della scorsa settimana dedicate ai cimiteri. Politico più che operativo, perché l'acquisto dei loculi non è immeditato. Qualora dovesse infatti arrivare l'ok al prelievo delle somme dal fondo di riserva, serve un passaggio in Giunta e poi una gara d'appalto. Gli 800 mila euro dovrebbero bastare al Comune per comprare 380 loculi sui 430 già autorizzati dalla Sovrintendenza. Un secondo progetto prevede la realizzazione di altri 800 loculi, ma ad oggi non c'è ancora la copertura finanziaria. 

La nota carenza di posti nel camposanto comunale ha determinato, scrive Orlando, uno stato di "gravissima criticità", aggravata dal "numero dei deceduti correlati all'effetto pandemia". E siccome, per stessa ammissione del sindaco, "tutte le attività rivolte principalmente al recupero di posti all’interno del cimitero svolte sino ad adesso potranno essere riscontrabili nel medio-lungo termine", una via per alleviare "nell'immediato futuro" l'emergenza (ormai cronica) è quella di realizzare dei loculi prefabbricati fuori terra.

Il Comune, a corto di risorse, può solo raschiare dal fondo del barile. Leggasi fondo di riserva. Motivo per cui Orlando ha chiesto con questa nota l'ok al prelievo di 800 mila euro, avvertendo la burocrazia e il Consiglio che "il mancato accoglimento" della richiesta "determinerebbe profili di ulteriore emergenza sanitaria e, di riflesso, anche un danno patrimoniale all'ente".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento