Emergenza casa, piano di intervento con fondi europei per 1.800 famiglie palermitane

Ne danno notizia i sindacati degli inquilini palermitani di Sunia, Sicet e Uniat, che in questi giorni hanno avviato i primi confronti con il neo assessore Giuseppe Mattina

“Per le 1.800 famiglie iscritte in graduatoria per l'emergenza abitativa a Palermo, l'assessore alla Cittadinanza solidale sta predisponendo un piano generale di intervento che prevede l'utilizzo di fondi locali, nazionali ed europei”. Ne danno notizia i sindacati degli inquilini palermitani di Sunia, Sicet e Uniat, che in questi giorni, su sollecitazione del Sunia, hanno avviato i primi confronti con il neo assessore Giuseppe Mattina, presso la sede dell'assessorato alla Cittadinanza Solidale, per affrontare le questioni relative alla casa, a partire dalle famiglie in pressante esigenza abitativa a Palermo.

“Abbiamo discusso di emergenza abitativa, sfratti, sgomberi, dei finanziamenti relativi al settore casa, di un riassetto degli organismi consultivi esistenti, del rilascio degli attestati di alloggio sociale, di dichiarazioni di decadenza e di canoni d'affitto – dichiarano i responsabili Zaher Darwish, del Sunia, Mario Bommarito, del Sicet e Rino Di Dia dell'Uniat –. Abbiamo condiviso l'importanza del confronto e del dialogo, rispettosi dei ruoli di ciascuna delle parti, e la necessità di avviare un'analisi delle esigenze connesse all'emergenza abitativa, finalizzate alla realizzazione di un progetto concertato di interventi per rispondere ai bisogni diffusi, a partire dalle 1800 famiglie iscritte nella graduatoria”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I sindacati degli inquilini hanno riscontrato la disponibilità dell'amministrazione a rivedere i criteri per stabilire i canoni d'affitto degli alloggi ERP, secondo la normativa regionale in materia, inclusa la possibilità di portare i canoni a un livello sociale (anche a 52 euro), di rivedere le decadenze dichiarate, e aprire a forme di rateizzazione per le morosità eventualmente accumulate.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia morti altri tre anziani: 75 i nuovi contagi, più della metà a Palermo

  • "Cocktail in mano e mascherine al gomito": due pub chiusi per violazione norme anti Covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento