rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Cefalù

Guerra per l'acqua a Cefalù, chiuso il potabilizzatore: il Comune corre ai ripari

Immessa in rete acqua grezza che non può essere utilizzata per scopi alimentari. Prosegue il braccio di ferro tra Sorgenti Presidiana, che gestiva l’impianto, e l’Amministrazione. L'Ati non ha autorizzato il pagamento dell'acconto da 500 mila euro

Continua il braccio di ferro tra Sorgenti Presidiana e il comune di Cefalù. Disagi per gli abitanti della cittadina normanna dove, dopo l’annuncio degli scorsi giorni, la società ha interrotto l’erogazione di acqua a causa del contenzioso tra le due parti su una bolletta da 1,75 milioni di euro. Il primo cittadino Rosario Lapunzina, per correre ai ripari, ha firmato un’ordinanza con la quale ha disposto l’immissione in rete di acqua grezza che non può essere utilizzata per scopi alimentari.

La querelle fra la società e l’Amministrazione nasce dopo il subentro di Sorgenti Presidiana ad Amap, che ha deciso di “abbandonare” Cefalù per via dei costi - ritenuti insostenibili - relativi alla produzione di acqua depurata. E come promesso, una volta terminata la scorta di reagenti, avrebbe "fatto i bagagli" e avrebbe lasciato Cefalù. Il Comune aveva concordato il pagamento di un acconto da 500 mila euro, ma ha ricevuto alcuna autorizzazione dall’Autorità territoriale idrica che si dopo essersi riunita e, nonostante le sollecitazioni da parte del Sindaco, non ha preso alcuna decisione.

Lapunzina, in un post sui social, ha chiarito la sua posizione: "L’aspetto sul quale l'Amministrazione non intende cedere è il principio che i cittadini devono pagare l'acqua potabile ad una tariffa possibile.  Non accetteremo mai che per mantenere gli altissimi costi di potabilizzazione, a seguito di un contratto stipulato nel 2000, si pretenda di raddoppiare le tariffe, cosa peraltro impossibile per legge, facendo ricadere solo sui cittadini di Cefalù le diseconomie degli altissimi costi di potabilizzazione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra per l'acqua a Cefalù, chiuso il potabilizzatore: il Comune corre ai ripari

PalermoToday è in caricamento