Edilizia, l'appello della Cisl: "Tutelare disoccupati con investimenti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Ci allarma e ci preoccupa particolarmente il messaggio che alcune sigle sindacali stanno lanciando in questi giorni, che non fa altro che illudere i tanti disoccupati del settore edile che coltivano la speranza di essere nuovamente inseriti nel mondo del lavoro". Lo dicono, in una nota congiunta, il segretario regionale e quello provinciale di Palermo -Trapani della Filca Cisl, Paolo D'anca e Francesco Danese, che aggiungono: "L'unica strategia vincente per tutelare i lavoratori è quella di chiedere all'unisono il rilancio degli investimenti perché è solo così che si incentiva lo sviluppo produttivo e non sarà certamente l’iscrizione a una sigla sindacale a garantire l’assunzione perché bisogna adottare soluzioni che tutelino tutti gli edili con alte professionalità. Nessuna corsia privilegiata insomma per chi è iscritto a qualche movimento o qualche associazione in particolare ma tutela assoluta per tutti perché non bisogna fare la differenza tra lavoratori di serie A e di serie B. Non esiste nessun protocollo che unilateralmente mette fuori il diritto di ogni singolo lavoratore, per questo chiediamo di condividere una battaglia comune che tuteli tutti i disoccupati nella convinzione che solo l'unità é l'unica strada percorribile. Tutto il resto sono solo posizioni populiste che servono solo a spaccare il mondo del lavoro e dei lavoratori. Chiediamo altresì che venga messo a regime il blen.it che è uno strumento contrattuale previsto dal 2008, che gestisce la scuola edile che è l’ente bilaterale di formazione dell’edilizia perché riteniamo che può dare risposte ai tanti disoccupati che possono accrescere le proprie professionalità e favorire l'inserimento nel mondo del lavoro. L'unita sindacale - continua la nota - va praticata non soltanto invocata per il rispetto e l'interesse dei lavoratori. Invitiamo pertanto pubblicamente i livelli regionali a ragionare insieme in una unica iniziativa regionale che mette al centro lo sviluppo infrastrutturale e sociale dell'isola, già vittima di una crisi e burocrazia farraginosa,che ha bisogno di essere velocizzata. E necessario - conclude la nota - creare tavoli tecnici, che hanno come obiettivo lo sbocco delle opere incompiute nel minor tempo possibile. E le opere incompiute sono davvero tante, basti pensare per citarne solo alcune, all'Agrigento – Caltanissetta, alla Palermo- Agrigento, alla circonvallazione di Palermo, alla Tangenziale Catania, alla SS 626 dir Licata- Torente Braemi, alla Siracusa- Gela, alla Ragusa- Catania e al Ponte Himera". 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento