Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Zisa

"Drive in" della droga alla Zisa, maxi sequestro di beni al capo dell'organizzazione

I sigilli sono scattati per due conti bancari, quattro case, un magazzino e un terreno riconducibili a Vincenzo Bagnasco, 34 anni palermitano. Era stato arrestato nel corso dell'operazione antidroga "Horus", portata a termine nel 2014 dai carabinieri

Maxi sequestro di beni e conti bancari riconducibili a Vincenzo Bagnasco, 34enne palermitano, arrestato nel 2014 nel corso dell'operazione "Horus". Le indagini avevano portato alla luce un "drive in" della droga alla Zisa. A capo dell'organizzazione, per gli inquirenti, lo stesso Bagnasco (nella foto in basso). I carabinieri della compagnia di San Lorenzo hanno sequestrato quattro case e un magazzino a Palermo, un terreno a Carini e due conti bancari. Valore totale del sequestro oltre 200 mila euro.

L'inchiesta "Horus", iniziata a marzo 2013 e terminata a giugno, ha permesso di accertare innumereBagnasco Vincenzovoli scambi di stupefacente grazie a una serie di sistemi di videosorveglianza piazzati per strada. Dalle immagini sono emersi alcuni retroscena inquietanti: lo spaccio avveniva tra i bambini e le auto in coda. Tutti sapevano, dato che tutto avveniva alla luce del sole. Tra i clienti, un carabiniere in servizio ha riconosciuto anche un suo ex professore della scuola media. Sono stati sufficienti pochi mesi per raccogliere le prove necessarie ad individuare e descrivere con dovizia di particolari i caratteri dell’associazione criminale finalizzata allo spaccio e la rete di spacciatori che operosamente cedevano la droga, dandosi il cambio in veri e propri turni di lavoro. Migliaia le “cessioni”, per presunti introiti giornalieri di circa duemila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Drive in" della droga alla Zisa, maxi sequestro di beni al capo dell'organizzazione

PalermoToday è in caricamento