In giro con 100 chili di "fumo" nel cofano dell'auto, arrestato in via Messina Marine

Il quintale di hashish è stato scoperto dalla polizia durante un controllo ed è stato sequestrato. In manette è finito un uomo di 38 anni. Il valore della droga una volta spacciata sarebbe stato ingente, ma l'affare è saltato

Un carico di hashish (foto archivio)

Ben cento chili di hashish nascosti nel cofano di una macchina. E' con questo carico che andava in giro E. C., 38 anni, che dopo un controllo è stato arrestato. L'uomo è stato fermato dalla polizia in via Messina Marine e quando gli agenti hanno deciso di perquisire l'auto, nel bagagliaio, hanno trovato il quintale di "fumo".

L'arresto è avvenuto nel pomeriggio di mercoledì scorso, ma la notizia è trapelata solo stamattina, in occasione dell'udienza di convalida. Non è chiaro né da dove provenga l'hashish né a chi fosse destinato. Il dato certo è che la droga, una volta spacciata avrebbe potuto fruttare parecchie migliaia di euro.

Difficile che un'operazione di questo tipo possa essere stata organizzata solo dall'indagato e non è escluso che dietro l'affare - andato in fumo, è il caso di dirlo - possano esserci anche gli interessi di Cosa nostra. Come è emerso da diverse inchieste, infatti, la droga è uno dei settori più fiorenti per i boss, che tendono però a delegarne la gestione a uomini di fiducia, limitandosi ad incassare, senza sporcarsi le mani e senza correre rischi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

Torna su
PalermoToday è in caricamento