Beccato con un carico di 39 chili di marijuana, scatta una condanna

Inflitti due anni e dieci mesi con il rito abbreviato a Giovanni Pasqua, che era stato arrestato a ottobre del 2018. La droga sequestrata se immessa sul mercato avrebbe potuto fruttare decine di migliaia di euro

Trentanove chili di "erba", suddivisi in pacchi da un chilo ciascuno. Droga dal valore di decine di migliaia di euro che, però, Giovanni Pasqua, 51 anni, non era riuscito a piazzare sul mercato: la marijuana era stata infatti scoperta dalle forze dell'ordine e per lui era scattato l'arresto. L'uomo è stato condannato a due anni e dieci mesi, con il rito abbreviato: la sentenza è diventata definitiva, visto che il suo ricorso in Cassazione è stato giudicato inammissibile dai giudici.

Il carico di droga venne individuato il 15 ottobre del 2018 e Pasqua venne finì in manette con l'accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio. In primo grado, l'8 maggio dell'anno scorso, l'imputato era stato condannato a quattro anni dal gup. Una pena poi ridotta a due anni e dieci mesi in appello il 16 gennaio scorso perché i giudici avevano ritenuto l'aggravante dell'ingente quantità equivalente alle attenuanti generiche. Un verdetto che ora è diventato definitivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento