menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto archivio)

(Foto archivio)

Senza patente guida un camion con 10 chili di cocaina: arrestato quarantenne

Antonino Mulè, incensurato, è stato bloccato venerdì pomeriggio a Buonfornello. La squadra mobile sapeva che in città sarebbe arrivato un grosso carico di droga. Solo una decina di giorni fa un sequestro simile è stato compiuto dalla guardia di finanza

Era alla guida di un camion senza patente, ma per Antonino Mulè, 40 anni, la violazione del codice della strada sarà davvero l'ultimo dei problemi: nel mezzo su cui viaggiava, infatti, la squadra mobile ha trovato ben dieci chili di cocaina. Droga che, una volta smerciata, avrebbe potuto fruttare anche un milione di euro.

L'indagato, originario di corso dei Mille, è incensurato. Il gip Stefania Brambille stamattina, durante l'udienza di convalida, ha confermato la custodia cautelare in carcere, come richieseto dal sostituto procuratore Giacomo Brandini.

L'arresto e il sequestro sono avvenuti venerdì pomeriggio a Buonfornello. Gli investigatori sapevano che in città doveva arrivare un carico consistente di droga e hanno deciso di controllare il camion guidato da Mulè.

L'indagato è però apparso subito agitato, anche perché non aveva la patente. Così avrebbe chiesto ai poliziotti di portare il mezzo a Bagheria. Cosa che ha ulteriormente insospettito gli inquirenti e che ha fatto scattare la perquisizione, con la scoperta dei dieci chili di coca.

Solo una decina di giorni fa, la guardia di finanza aveva sequestrato, sempre a Buonfornello, altri dieci chili della stessa sostanza, nascosti tra arance e mandarini. La prova che in città si muovono ingenti quantità di droga e che il business è fiorentissimo. Difficile ipotizzare che un simile smercio avvenga all'insaputa di Cosa nostra, fosse solo per la quantità di denaro necessario per l'acquisto delle varie partite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento