Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

In auto con 11 chili di hashish, mostra curriculum ai carabinieri: "Cerco lavoro"

Arrestato un palermitano di 27 anni, sorpreso nel Bolognese a bordo di una Fiat Punto: nascondeva il carico di droga tra i sedili, in un borsone, sotto alcuni vestiti. Il maggiore dei carabinieri: "Non si tratta di uno spacciatore qualsiasi, ma di un vero trafficante"

A bordo di una Fiat Punto, tra i sedili in un borsone sotto alcuni abiti, nascondevano 11 chili di hashish. Quando i carabinieri in una strada di campagna a Castello d'Argile, nel Bolognese, hanno fermato i due uomini a bordo, il passeggero, un palermitano di 27 anni, ha mostrato un curriculum vitae dicendo che erano in zona perché stava cercando lavoro. I militari dell'arma hanno arrestato lui e l'uomo al volante, un 64enne residente a Bologna con precedenti, per detenzione ai fini di spaccio e ingente quantitativo. L'episodio si è verificato negli scorsi giorni.

Il maggiore Ciro Imperato, al comando dei carabinieri, ha raccontato l'arresto: "Ci siamo trovati dinnanzi non due spacciatori qualsiasi, ma dei trafficanti di droga che detenevano un importante quantitativo di hashish, fra l'altro non nascosto in qualche sezione nascosta del veicolo, ma semplicemente coperto da dei panni, proprio per simulare una situazione di totale normalità. Il risultato che abbiamo ottenuto naturalmente non è stato casuale ma frutto di intensa attività di prevenzione del crimine che portiamo avanti da tempo". 

Il palermitano arrestato è un giovane senza fissa dimora nato nel 1991 (iniziali P.A.M.) che aveva documentato la sua presenza sul territorio bolognese mostrando un curriculum vitae stampato che teneva con sè: "Cerco lavoro" ha detto agli agenti dell'Arma durante il controllo. Il palermitano risulta incensurato: ora dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente in ingente quantitativo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In auto con 11 chili di hashish, mostra curriculum ai carabinieri: "Cerco lavoro"

PalermoToday è in caricamento