rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024

VIDEO | Dopo il furto scatta la solidarietà, le Officine Zen riaprono con più laboratori: poliziotto dona la sua tredicesima

Grazie a un crowdfunding è stato possibile riacquistare tutti gli strumenti e quindi rimettere in sesto gli spazi che si trovano all'interno dell'istituto comprensivo Leonardo Sciascia. Raccolti più di 1600 euro, oltre al contributo dato dall'agente. Presenti laboratori di falegnameria, sartoria, fotografia, serigrafia e presto ci sarà anche una biblioteca

Dopo il furto del novembre scorso, le Officine Zen riaprono con più laboratori di prima. Grazie a un crowdfunding è stato possibile riacquistare tutti gli strumenti e quindi rimettere in sesto gli spazi. Un poliziotto ha donato per intero la sua tredicesima. Grazie, inoltre, a un progetto sostenuto dai fondi dell'otto per mille della Chiesa Valdese sono stati attivati più laboratori di prima. Infatti adesso alla scuola Leonardo Sciascia nel quartiere San Filippo Neri si tengono laboratori di falegnameria, sartoria, fotografia, serigrafia e presto ci sarà anche una biblioteca scolastica.

Sono state inaugurate due volte le Officine Zen, la prima nel 2021 e la seconda oggi, 17 maggio, per festeggiare con i residenti, gli studenti ma anche con tutti i sostenitori la rinascita di questo luogo. Adesso le officine appartengono a tutta la città di Palermo, perché tutta la città insieme si è spesa e adoperata perché potessero continuare il loro lavoro. Il processo di rigenerazione degli spazi e di crescita dei residenti grazie a questa nuova esperienza subisce una brusca battuta d'arresto quando a Novembre del 2022 vengono derubate di tutti gli attrezzi.

E quel luogo così importante per il quartiere, dove si sperimentava, si conoscevano nuove tecniche, si costruivano oggetti, ci si confrontava, e, soprattutto dove potevano nascere nuove opportunità, diventa l'ennesimo simbolo di sopraffazione. Per fortuna non è finita così questa storia. L'associazione Handala partner della scuola nel bando "Cultura futuro urbano – Scuola attiva la cultura" che ha permesso la nascita delle Officine, ha lanciato subito una raccolta fondi, e la città ha subito risposto e ha sostenuto la rinascita di questi spazi in modo corale. "La risposta della città al nostro appello è stata incredibile - racconta Lara Salomone presidente dell'associazione Handala - c'è stato chi ha ricomprato attrezzature, chi ha regalato il sistema di videosorveglianza, un poliziotto che conosce la nostra associazione ci ha donato tutta la sua tredicesima. Insomma ci siamo sentiti supportati e questo ci ha molto rinvigorito, perché a dire il vero eravamo un po' tristi per l'accaduto, ma tutto questo amore ci ha fatto andare avanti".

Grazie al progetto sostenuto dai fondi dell’8xmille della Chiesa Valdese sono le classi della scuola media a sperimentare attività creative e formative parallelamente a quelle curricolari alle officine. I partecipanti hanno realizzato elementi di arredo in legno che contribuiranno a personalizzare ancora di più gli spazi scolastici, hanno creato marsupi, zaini e cuscini, sperimentato tecniche fotografiche e prodotto materiale fotografico che diventerà una mostra permanente negli spazi della scuola. Sono previste a breve attività in quartiere che porteranno gli esperti che tengono i laboratori di falegnameria a realizzare oggetti per le realtà di quartiere che l’associazione Handala cura da anni come lo spazio donna zen e un lavoro di reportage video e fotografico realizzato con gli studenti della scuola che permetterà di raccogliere il loro punto di vista sugli spazi quotidiani nei quali si incontrano e vivono.

Video popolari

PalermoToday è in caricamento