Altra donna incinta positiva al Coronavirus, dimessa dopo un breve ricovero in ospedale

Si tratta di una 31enne al quinto mese di gravidanza, sposata con un uomo ricoverato per Covid-19. Proprio per questo, dopo aver accusato un po' di tosse, è stata portata al Cervello. Gravi ma stabili le condizioni dell'altra gestante, la 34enne bengalese intubata nel reparto di Rianimazione

Un’altra donna incinta positiva al Covid-19. Mercoledì una 31enne palermitana è stata portata con un’ambulanza del 118 all’ospedale Cervello dopo aver manifestato i primi sintomi. Nei giorni precedenti al ricovero era stata tenuta sott’osservazione dai sanitari dell’Asp in quanto rientrava tra i “contatti stretti” del marito, che da circa due settimane si trova in ospedale proprio a causa del virus.

All’insorgenza della tosse la 31enne, arrivata al quinto mese di gravidanza, è stata sottoposta all’ennesimo tampone rinofaringeo che questa volta ha dato l’esito temuto: positiva al Coronavirus. La donna è stata quindi portata e trattenuta in ospedale per tenere sotto monitorare, per circa 24 ore, le sue condizioni cliniche e quelle del bambino. Il tampone successivo e il test sierologico hanno invece ribaltato il risultato: negativa

I medici hanno studiato il caso della donna pausintomatica per cercare di chiarire la sua situazione, preferendo però rimandarla a casa per tenerla sotto controllo tramite la sorveglianza domiciliare. Le sue condizioni e quelle del feto - fanno sapere dall’ospedale - sono buone, come confermato anche al termine della visita ginecologica.

Gravi ma stabili le condizioni dell’altra paziente incinta, alla ventottesima settimana di gravidanza, ricoverata nel reparto di Rianimazione del Cervello. La donna, una bengalese di 34 anni rientrata a Palermo da Londra, si trova tutt’oggi sotto sedazione e con ventilazione meccanica. Gli accertamenti sul bimbo che porta in grembo non avrebbero evidenziato alcuna sofferenza fetale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due giorni sono state consegnate due sacche di plasma autoimmune arrivate da un’azienda ospedaliera di Pavia. Le sacche sono state a portate a Palermo con un volo di Stato, atterrato in una delle piste dell’aeroporto Falcone-Borsellino, per poi essere affidate al personale del 118 e scortate dalla polizia fino alla consegna al Cervello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento