menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La signora bloccata dentro il negozio Ovs di via Leonardo da Vinci

La signora bloccata dentro il negozio Ovs di via Leonardo da Vinci

Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

Le due sono rimaste all'interno del punto vendita di via Leonardo da Vinci ad attendere l'arrivo dei carabinieri e della responsabile. "E se fosse stata un'anziana? Dicono di avere controllato prima di uscire"

Era entrata in camerino con la figlia di 10 anni per provare qualche indumento quando le luci si sono spente e la musica è stata interrotta. Prima di potersi accorgere di quanto stava per accadere, commesse e commessi erano già usciti e avevano chiuso porte e saracinesche lasciandole dentro. E’ accaduto ieri all’ora di pranzo nel punto vendita Ovs di via Leonardo da Vinci, dove una cliente 49enne è rimasta bloccata per oltre 2 ore all’interno del negozio. Per uscire la donna ha dovuto contattare il numero unico d'emergenza e attendere l'arrivo del direttore del punto vendita.

"Mi sono girata pensando ci fosse stato un blackout. Invece - racconta la signora in un video inviato alla redazione di PalermoToday - mi sono resa conto che avevano chiuso tutto e mi avevano lasciato dentro insieme alla mia bambina. Ho chiamato le forze dell'ordine e mi hanno chiesto di aspettare. Mi pare un fatto vergognoso. E se fosse stata un’anziana? Ho provato a fare scattare l'allarme ma niente. Poi è arrivata una pattuglia e i militari hanno controllato il mio documento dalla vetrina".

Poi aggiunge: "La responsabile, rintracciata dai carabinieri, sosteneva avessero controllato tutto prima di chiudere e di aver lanciato un messaggio audio 15 minuti prima della chiusura. Ammesso sia vero, poveri i sordi. Ad ogni modo non ho alcuna intenzione di sporgere denuncia però mi sarei aspettato delle scuse. Invece mi è stato detto solamente: 'Ma dov’era?' Eppure ho fatto avanti e indietro più volte per prendere i capi a mia figli. Per fortuna non è successo nulla, a parte qualche momento di panico, ma credo che fatti del genere non vadano sottovalutati".

La redazione di PalermoToday ha provato a contattare la responsabile del punto vendita per una replica, ma senza esito.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento