Diecimila mascherine a ospedale di Milano, video di un medico palermitano commuove la Cina

I dispositivi di protezione sono arrivati all'ospedale "Sacco" per mezzo di Giuseppe Croce, specializzando in Pneumologia nel reparto di malattie respiratorie. Il giovane e i suoi colleghi hanno poi ringraziato la donna cinese che ha fatto la donazione: "Insieme sconfiggeremo il virus"

La gentilezza è il motore del mondo. E un piccolo gesto come una donazione diventa un grande segno d’amicizia tra i due paesi che più di tutti al mondo stanno combattendo contro questa pandemia. Una donna cinese dona 10 mila mascherine al "Sacco" di Milano, uno degli ospedali italiani simbolo della lotta al Coronavirus, e l’anello di congiunzione è un giovane medico palermitano.

Giuseppe Croce, nato a Isola delle Femmine 28 anni fa, laureato in Medicina all’Università di Palermo e oggi medico specializzando in Pneumologia nel reparto di malattie respiratorie dell’ospedale milanese, a fine marzo viene contattato dalla sua insegnante di cinese, Cristiana Girolimetto. “La mia maestra ha studiato a Pechino e ha subito pensato a me quando una sua amica cinese le ha chiesto di metterla in contatto con un ospedale italiano. Il suo desiderio era quello di fare una donazione” spiega a PalermoToday.

Cina e Italia dunque così distanti ma così vicine. I riflettori del mondo infatti sono puntati sui due paesi che più di tutti hanno dovuto fare i conti con questo virus che, soprattutto in Lombardia, così come a Whuan, ha registrato migliaia di decessi. “Questa donna aveva intenzione di donare dei dispositivi di protezione individuale a un ospedale italiano. Ho dunque immediatamente fornito contatti e indirizzo del Sacco, l’ospedale dove sto svolgendo la mia formazione”.

Dieci giorni dopo al reparto di Pneumologia arrivano 10 mila mascherine chirurgiche. Così Giuseppe pensa di registrare un video di ringraziamento in lingua cinese (con sottotitoli in italiano e inglese), coinvolgendo medici e infermieri del reparto. “Quando questa donatrice lo ha visto si è commossa e ci ha scritto questo messaggio: ‘Una sola persona probabilmente non potrà cambiare il mondo, ma insieme potremo fare la differenza’”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Grazie. Anche se non ci siamo mai incontrati prima i nostri due paesi, Italia e Cina, stanno combattendo entrambi contro l'epidemia del Coronavirus - si ascolta nel video di Giuseppe Croce -. In tempi difficili come questo sentiamo che il futuro è incerto ma abbiamo imparato che non importa la distanza, gli amici si sostengono a vicenda in qualsiasi momento. Io e i miei colleghi, i medici e il personale sanitario dell'ospedale Sacco di Milano, vorremmo esprimere il nostro sentito ringraziamento nei suoi confronti. La sua generosità ha fatto sì che persone che vivono distanti si sentissero vicine. Possiamo unire le forze, affrontare insieme le difficoltà. In questo modo riusciremo certamente a sconfiggere il virus”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Stretta anti covid, ecco l'ordinanza: mascherine all'aperto, divieto di stazionare in strada

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Reddito di cittadinanza, per il mese di sospensione potranno essere chiesti i buoni spesa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento