rotate-mobile
Cronaca

"Cara Rosaria, ti sono vicino insieme agli italiani onesti": Don Ciotti scrive alla vedova Schifani

Dopo l'arresto del fratello Giuseppe Costa per associazione mafiosa, il presidente e fondatore di Libera si rivolge alla donna pubblicando su Famiglia Cristina una lettera

"Cara Maria Rosaria, con tutta Libera ti sono vicino in questo momento che immagino di profondo smarrimento e angoscia. Ma mi permetto di aggiungere a me e Libera tutti gli italiani onesti che non solo sognano ma fanno qualcosa per liberare il nostro Paese dalle mafie, comportandosi da veri cittadini, quelli a cui si rivolge la Costituzione, custodi e promotori del bene comune". Sono queste le parole che don Luigi Ciotti ha scelto di rivolgere alla vedova dell'agente Vito Schifani morto nella strage di Capaci, dopo l'arresto del fratello Giuseppe Costa per associazione mafiosa. 

Comincia così la lettera pubblicata sul sito di Famiglia Cristiana. Secondo il fondatore di Libera quegli italiani  "hanno visto in te, attraverso quelle immagini nella chiesa di San Domenico, a Palermo, immagini che sono entrate nel nostro patrimonio culturale con la forza dei simboli, una donna capace di trasformare il suo immenso dolore in un orizzonte d'impegno e di speranza". "Ancora risuonano nelle coscienze, quelle parole - continua don Luigi Ciotti - rivolte agli uomini della mafia. Risuona la tua disponibilità al perdono in cambio di un reale pentimento, un 'mettersi in ginocchio' e avere il coraggio di cambiare. E poi, subito, quell'attimo di sconforto - 'ma loro non cambiano!' - che nella mia memoria si lega a quello di Nino Caponnetto dopo Capaci e via d'Amelio: 'È finito tutto!'. Attimi di smarrimento che sono stati, in entrambi i casi, preludio di una tenace resistenza, di un impegno per la verità e la giustizia cioè per la vita".

La vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

"Hai seminato tanto, Rosaria, seminato speranza e trasmesso coraggio. E insieme al frutto più bello - il tuo, il vostro Emanuele, oggi capitano della Guardia di Finanza - ne hai generati tanti altri, di frutti spirituali, non solo tra i famigliari di altre vittime di mafia ma anche tra donne che da famiglie mafiose si vogliono riscattare, assicurando per se stesse e i propri figli un futuro di libertà e dignità, una vita non più ostaggio della violenza e della morte. A conferma di quanto fossero lucide quelle altre parole che in un'altra occasione hai rivolto ai boss: 'avete commesso l'errore più grande perché tappando cinque bocche ne avete aperte 50 milioni'. Continuiamo a camminare insieme, Rosaria, perché - conclude Do Ciotti - la forza del 'noi', dell'essere comunità, sconfiggerà le mafie, la corruzione, le ingiustizie. Realizzando il sogno di Vito e di chi, per quel 'noi', ha dato la vita".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Cara Rosaria, ti sono vicino insieme agli italiani onesti": Don Ciotti scrive alla vedova Schifani

PalermoToday è in caricamento