Lunedì, 15 Luglio 2024

VIDEO | Scandalo nella scuola dello Zen, Lagalla incontra il nuovo preside: "Spero sia un brutto sogno"

Dopo l'arresto di Daniela Lo Verde, accusata di peculato e concussione, Domenico Di Fatta lascia il liceo Regina Margherita e torna alla Falcone. A sostenerlo anche una delegazione di dirigenti scolastici con a capo Giusto Catania: "Una ferita sanguinante". Il sindaco: "Questa comunità non ammette il tradimento"

Domenico Di Fatta prende le redini della "scuola tradita" dello Zen. Dopo l'arresto dell'ex dirigente scolastica Daniela Lo Verde, accusata di peculato e concussione, il preside lascia il liceo magistrale Regina Margherita e torna nell'istituto comprensivo Giovanni Falcone. Ad accoglierlo, insieme ai genitori, il sindaco Roberto Lagalla, l'assessore alle Attività sociali Rosi Pennino e il direttore dell'ufficio scolastico regionale Giuseppe Pierro. 

“Corsi fantasma per avere fondi europei”: arrestata la preside della scuola Falcone allo Zen

"La scuola e le istituzioni vanno al di là delle singole persone - ha detto il primo cittadino - il messaggio educativo continua. Sono sgomento per ciò che viene proposto dalla stampa sull’operato della preside Daniela Lo Verde e mi auguro che alla fine possa essere dimostrato che abbiamo fatto tutti solo un brutto sogno perché, prima da assessore e poi da sindaco, ho sempre ritenuto l’Istituto Falcone un avamposto di legalità che non può ammettere tradimento. Bene ha fatto l’Ufficio scolastico regionale, nella persona del suo direttore, Giuseppe Pierro, che ringrazio personalmente, a provvedere tempestivamente a una sostituzione per garantire continuità e rilanciare il messaggio educativo di questa scuola, punto di riferimento per tante famiglie del quartiere oggi qui riunite. Tra queste mura abbiamo sottoscritto il Patto educativo con lo Stato che ha portato al potenziamento del tempo pieno e abbiamo portato avanti tante altre iniziative grazie alla collaborazione attiva dei massimi vertici delle istituzioni regionali e nazionali. Sono certo che grazie all’esperienza del nuovo preside, Domenico Di Fatta, al quale rivolgo i migliori auguri di buon lavoro, continuerà a essere portato avanti il progetto formativo di questa scuola, sostenuto dal lavoro e dalla dedizione dei docenti e di tutti gli operatori scolastici di questo istituto". 

Dopo l'arresto sospesa la preside antimafia della scuola Falcone allo Zen: sequestrati tv e tablet in casa

A portare il proprio sostegno e la solidarietà al neo dirigente scolastico, una delegazione di presidi di diversi istituti palermitani aderenti alla Rete per la promozione della cultura antimafia nella scuola. Portavoce del gruppo, il dirigente scolastico dell'istituto Giuliana Saladino Giusto Catania: "È un gesto di solidarietà e di vicinanza alla comunità educante - ha detto - oltre che di sostegno al collega Di Fatta per il suo difficile lavoro. Vogliamo dare il messaggio forte: tutta la scuola palermitana, di ogni ordine e grado e di tutti i quartieri, si stringe attorno all'Istituto Giovanni Falcone. Un messaggio simbolico e, nello stesso tempo, molto concreto. E' una ferita sanguinante, bisogna impedire che una piccola infezione possa espandersi"

A porte chiuse per la stampa l'incontro con i genitori della scuola di frontiera. "Vorremmo lasciarli liberi di esprimersi", ha precisato il preside Di Fatta 

Video popolari

PalermoToday è in caricamento