Cronaca

Bottiglie di vetro vietate negli eventi pubblici: il Comune punta sulla sicurezza

Dopo i fatti di Torino, il sindaco ha emanato un'ordinanza ad hoc. Stop alla vendita durante qualsiasi manifestazione pubblica fino al 31 dicembre. I trasgressori saranno puniti con una multa da 25 a 500 euro

Parola d'ordine "sicurezza". Il sindaco ha emanato un'ordinanza che vieta la vendita di bottiglie in vetro durante qualsiasi manifestazione pubblica da oggi al 31 dicembre. I trasgressori saranno puniti con una multa da 25 a 500 euro.

La stretta arriva dopo i fatti di Torino, dove la festa per la partecipazione della Juve alla finale di Champions League si è trasformata in tragedia. I tanti tifosi assiepati in piazza San Carlo per assistere alla partita dal maxischermo appositamente allestito hanno vissuto minuti di puro terrore. Un boato, la paura di una bomba, hanno scatenato il panico. E in centinaia si sono feriti anche a causa delle bottiglie in vetro andate in frantumi nella fuga.

L'"effetto Torino" ha percorso tutto lo Stivale e diverse amministrazioni locali stanno correndo ai ripari. "In considerazione della partecipazione di numeroso pubblico e delle potenziali criticità che possono derivare dall’uso di sostanze alcoliche o dal distorto utilizzo di contenitori in vetro - si legge nel provvedimento firmato da Orlando - si ordina che, nelle varie manifestazioni pubbliche che si svolgeranno nei vari quartieri cittadini, sia vietato commercializzare bevande in contenitori o recipienti di vetro, consentendo esclusivamente quelli in plastica". Da qui l'obbligo di versare il contenuto delle eventuali bottiglie in bicchieri di plastica, polistirolo e cartone. Il divieto riguarda sia i negozianti sia i venditori ambulanti. 

I primi "test" già nei prossimi giorni con due eventi su tutti: il concerto di Radio Italia al Foro Italico e il Palermo Pride.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bottiglie di vetro vietate negli eventi pubblici: il Comune punta sulla sicurezza

PalermoToday è in caricamento