Alaimo (M5S): "Venti milioni per dissesto idrogeologico Monte Gallo e Monte Cuccitello, entro 6 mesi via ai bandi”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Novità per i cantieri a tutela del territorio per proteggere la sicurezza umana e l’ambiente.  “In Sicilia arriveranno 18,5 milioni di euro per 7 interventi che copriranno anche i cantieri di Palermo per Monte Gallo e Monte Cuccitello, previsti nello stralcio 2020 del Piano nazionale per la mitigazione del rischio idrogeologico 2020”. Lo annuncia la deputata palermitana del Movimento 5 Stelle Roberta Alaimo.

“Quelli presenti nel Piano stralcio, Dl 76/2020 - spiega Alaimo - sono progetti immediatamente esecutivi per la messa in sicurezza del territorio dai rischi sempre maggiori derivanti da eventi climatici estremi su aree del Paese particolarmente vulnerabili. Per Monte Gallo i quasi 9 milioni stanziati serviranno per interventi finalizzati alla mitigazione del rischio da crollo delle pareti del monte sovrastanti gli abitati di Sferracavallo e Barcarello, e il bando sarà pubblicato a luglio. Per Monte Cuccitello, invece, occorreranno meno di un milione di euro per mettere in sicurezza le pareti del monte sovrastanti alcune aree del quartiere Baida su via Falconara, bando che sarà pubblicato nel mese di maggio. Si tratta di interventi che fanno parte di un piano pluriennale fortemente voluto dal Movimento 5 Stelle e dal Ministro Costa e varato nel 2019 che in questa tranche ha previsto lo stanziamento di ben 262 milioni di euro”.

“Quelli contro il dissesto idrogeologico sono cantieri amici dell’ambiente e dell’uomo, per la tutela del territorio, i più importanti, per proteggere il nostro Paese fragile e affinché non ci siano più tragedie come quella del 2015, quando un’anziana perse la vita a Mondello in seguito alla caduta di un masso sulla sua abitazione, staccatosi proprio da Monte Gallo” ha concluso l’esponente M5S. 

Torna su
PalermoToday è in caricamento