Depistaggio per la strage di via D'Amelio, Petralia: "Sconvolto da macelleria mediatica"

Parla il procuratore aggiunto di Catania, Carmelo Petralia, che è indagato per concorso in calunnia aggravato: "Le parole di Fiammetta Borsellino? Fu addirittura difficile riuscire a rintracciarla per comunicarle quello che era accaduto il 19 luglio..."

"Ciò che mi ha sconvolto e amaramente colpito sul piano umano, familiare, e mi fermo qui, è stata la gestione mediatica della notizia, perché se c'è una cosa sacra nella fisiologia del nostro codice di procedura penale è la segretezza delle iscrizioni sul registro previsto dall'articolo 335. Ammesso pure che vi fosse l'assoluta necessità di fare un accertamento tecnico irripetibile, che impone la comunicazione anche alle parti offese, si sarebbero dovute adottare cautele idonee a sconsigliare la 'macelleria mediatica' a buon mercato". A parlare, in un'intervista al quotidiano La Sicilia è il procuratore aggiunto di Catania, Carmelo Petralia, indagato per concorso in calunnia aggravato dall'aver favorito Cosa nostra nell'ambito dell'inchiesta sul depistaggio per la strage di via D'Amelio del 1992.

"Della gestione della collaborazione di Scarantino (il pentito falso del caso Borsellino, ndr) si occupava un pool di magistrati molto più ampio - dice Petralia - ma in concreto solo io e la collega Palma (anche lei indagatia) siamo rimasti vittime. Il dato conosciuto e amplificato dai media manca di molti nominativi e mi chiedo ancora perché".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rispetto alle accuse mosse da Fiammetta Borsellino, figlia del giudice Paolo, circa le "responsabilità morali prima che giudiziarie" di chi "ha lavorato male compromettendo il percorso di verità", il procuratore replica secco: "A lei che domanda dov'era lo Stato, dove erano i magistrati durante le indagini, dico dov'era lei nei giorni drammatici precedenti l'assassinio di suo padre e degli altri servitori dello Stato in quei giorni tremendi che separarono Capaci da via D'Amelio. Sa bene che fu addirittura difficile riuscire a rintracciarla per comunicarle quello che era accaduto il 19 luglio. Da allora da parte della famiglia Borsellino l'unico vero contributo ampio, sincero e incondizionato di collaborazione, anche alla conoscenza dei fatti e alle indagini in senso stretto, è venuto dalla signora Rita, la sorella di Paolo, e dalla sua famiglia".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Dal pizzo alla riffa per la festa di Sant'Anna, commercianti denunciano: 20 fermi al Borgo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Firmato nuovo Dpcm con le regole Covid, Musumeci: "Ora controlli costanti delle forze dell’ordine"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento