menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto archivio)

(foto archivio)

Si allontanano da lavoro per manifestare, lavoratori Reset denunciati per truffa

Nei guai 8 impiegati della società partecipata del Comune, identificati dopo aver preso parte a un corteo non autorizzato lo scorso 26 luglio. Il presidente: "Condanniamo questo comportamento cui seguiranno i necessari provvedimenti disciplinari"

Lavoratori Reset denunciati per essersi allontanati dal luogo di lavoro senz’alcuna autorizzazione. La polizia e la Digos hanno denunciato otto dipendenti della società partecipata del Comune per il reato di truffa aggravata. Sono stati sorpresi e identificati lo scorso 26 luglio nella zona di via Roma, più precisamente nei pressi degli uffici dell’area Bilancio e risorse finanziarie, mentre protestavano contro l’Amministrazione.

"Condanniamo fermamente questo comportamento - spiega il presidente della società, Antonio Perniciaro - che non è in linea con le regole di una società civile. Ci riserivamo di porre in essere tutte le azioni necessarie a livello disciplinare affinchè fatti di questo tipo di azioni non rischino di inficiare il nostro lavoro".

A tenere sott’occhio quella manifestazione le forze dell’ordine, che successivamente hanno visionato le immagini riprese con le telecamere dal personale del gabinetto regionale della Scientifica e avviato le indagini. Per prendere parte al corteo, peraltro non autorizzato, avevano abbandonato le loro mansioni. La denuncia, spiegano dalla Questura, nasce dall’attività di controllo svolta dalla Digos per verificare la partecipazione a manifestazioni non comunicate preventivamente di lavoratori appartenenti ad enti privati o segmenti della pubblica amministrazione.

"Abbiamo collaborato alle indagini - conclude Perniciaro - e fornito tutte le informazioni possibili. Tentiamo costantemente di coinvolgere i lavoratori in un percorso virtuoso che li responsabilizzi e gli consenta di avere stabilità, soprattutto oggigiorno che risulta più difficile". Appresa la notizia il sindaco Leoluca Orlando ha dato disposizioni affinché l'Amministrazione comunale si costituisca parte civile nell'eventuale processo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento