menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Voleva imporre il canone Rai a un commerciante, denunciato finto ispettore

Per settimane aveva tartassato l'ex titolare di un b&b sostenendo che avrebbe dovuto mettersi in regola coi pagamenti. La vittima ha denunciato tutto in commissariato e ha incontrato l'uomo a fianco di un poliziotto in borghese

Nelle ultime settimane aveva provato a convincerlo con una "logorante pressione psicologica", contestando all’ex titolare di un b&b il mancato pagamento del canone Rai. Ma era tutta una montatura. La polizia ha denunciato a piede libero un palermitano di 43 anni, di cui non sono state fornite le generalità, per abuso di titoli. Per smascherare l’uomo il commerciante si è rivolto alla polizia, fissando poi un appuntamento in un bar con il truffatore e in compagnia di un poliziotto in borghese. Dopo gli accertamenti con la stessa Rai si è scoperto che fosse semplicemente un agente esterno.

Si era accredito quale ispettore spiegando all’ex titolare del b&b che sarebbe stato il caso di mettersi in regola con il "canone speciale" riservato alle strutture ricettive. La vittima della tentata truffa, ritenendo "immotivata e illegittima tale richiesta, anche in ragione della circostanza - spiegano dalla Questura - che il b&b di cui era titolare non risultava provvisto di televisori, ha segnalato l’episodio al commissariato 'Porta Nuova'", dopo l’ennesima, indebita e pressante richiesta ricevuta dal fantomatico ‘Ispettore Rai’”.

E così, al fianco di un poliziotto in abiti civili, l’ex titolare del b&b si è presentato all’incontro nel bar prestabilito: "Il nostro operatore ha potuto assistere alla condotta scelta dal presunto ispettore. Ha tentato di raggirare la vittima della tentata truffa ipotizzando gravi conseguenze relative a salati controlli e approfondimenti di natura fiscale qualora la vittima non avesse corrisposto la somma richiesta firmando il relativo modulo". A quel punto al poliziotto si è qualificato chiedendo chiarimenti su quella "proposta".

Il 43enne poi denunciato per truffa è stato condotto in commissariato per fornire chiarimenti sull’accaduto. A seguito dei controlli con la Rai è venuto fuori il suo vero ruolo: si trattava di un agente esterno che si sarebbe dovuto limitare a informare la clientela dei servizi messi a disposizione dei contribuenti, "senza proporre abbonamenti e men che meno forzando la mano ai clienti per la restituzione di somme di denaro ipoteticamente maturate in passato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento