Cacciato per aver denunciato la presenza di telecamere in ufficio: licenziamento annullato

Cancellato anche in appello il licenziamento di un lavoratore dell'associazione nazionale Tiro a Segno. Il Tribunale ha riconosciuto il carattere "ritorsivo" del provvedimento

Aveva segnalato l'introduzione di videocamere di sorveglianza sul posto di lavoro. Ed era stato licenziato. Adesso ha vinto la sua causa anche in appello e sarà reintegrato. Il Tribunale di Palermo ha confermato la sentenza di nullità del licenziamento di un dipendente dell'associazione nazionale Tiro a Segno, riconoscendo il carattere “ritorsivo” del provvedimento, definito “illegittimo e discriminatorio”.

Il lavoratore, Guglielmo Canino, Rsa della Slc Cgil Palermo, aveva segnalato l'introduzione in aziende di telecamere di videosorveglianza in violazione dell'articolo 4 della legge del 1970 che tutela la la libertà e la dignità dei lavoratori. L'azienda l'aveva licenziato, adducendo motivi di carattere economico e la necessità di riduzione del personale. Il rappresentante sindacale, assistito dall'avvocato Pietro Vizzini, legale della Cgil, ha impugnato il licenziamento davanti al Tribunale di Palermo.

Già il 13 gennaio scorso, in primo grado, i giudici avevano aveva dato ragione al lavoratore. Adesso arriva la conferma del giudizio. Esprime soddisfazione il segretario Slc Cgil di Palermo, Maurizio Rosso: “Non si può pensare che alcuni diritti fondamentali dei lavoratori vengano calpestati. Non smetteremo di perseguire il rispetto delle regole ed il riconoscimento dei diritti e della dignità di tutti i lavoratori. La nostra battaglia per affermare la necessità di un lavoro strutturato continua”.

La replica dell'associazione

"Il Tribunale - spiegano dall'associazione Tiro a Segno - ha sì dichiarato illegittimo il licenziamento, ritenendolo ritorsivo e discriminatorio, ma non perché il Tiro a Segno avesse allocato telecamere sulla scrivania del dipendente. L’associazione che assisto collocò, previa autorizzazione ricevuta dal competente Ispettorato del Lavoro, un servizio di video sorveglianza, negli ambienti in cui si svolgeva la sua attività sociale, per rispondere a ragioni di sicurezza e prevenzione, ed una telecamera, esattamente la numero 13, venne posizionata fuori dal locale di segreteria in cui il nostro dipendente svolgeva il suo lavoro. Non vi è stata dunque - concludono - installazione illegittima di telecamere, atteso che la medesima era stata preceduta da un provvedimento autorizzatorio, né è accaduto che il nostro dipendente fosse spiato da più telecamere puntate sulla sua scrivania".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Diciamo che avevano messo le telecamere perché avevano la certezza che questi bravi lavoratori non facevano niente dalla mattina alla sera.. Detto ciò, caro sindacato, i diritti calpestati dalla mancanza di garanzie dei lavoratori a causa dell'abolizione dell'articolo 18.. Quelli non contano.. Perché ormai si è ridotti a schiavismo totale.. Con i sindacati d'accordo

    • Diciamo che avevano messo le telecamere perché avevano la certezza che questi bravi lavoratori non facevano niente dalla mattina alla sera.. Detto ciò, caro sindacato, i diritti calpestati dalla mancanza di garanzie dei lavoratori a causa dell'abolizione dell'articolo 18.. Quelli non contano.. Perché ormai si è ridotti a schiavismo totale.. Con i sindacati d'accordo

      Egregio signore, l'unica certezza è che la telecamera di fronte la mia postazione di lavoro è stata installata in violazione dell'art. 4 della Legge n. 300/70. Lei non conosce i fatti e gli atti giudiziari, quindi la invito a non fare illazioni.

    • Egregio signore, l'unica certezza è che la telecamera di fronte la mia postazione di lavoro è stata installata in violazione dell'art 4 della Legge n. 300/70. Il rispetto delle regole vale per tutti, lavoratori ed aziende. Lei non conosce i fatti e gli atti giudiziari, quindi la invito a non fare illazioni.

    • Egregio signore, l'unica certezza è che la telecamera di fronte la mia postazione di lavoro, è stata installata in violazione dell'art. 4 della legge 300/70. Il rispetto delle regole vale per tutti, sia per i lavoratori che per le aziende. Lei non conosce i fatti e gli atti giudiziari, quindi la invito a non fare illazioni.

  • In pratica le aziende se ne infischiano dei regolamenti!!! Stronz*

  • In pratica hanno cercato una scusa per licenziarlo... E son rimasti fregati. Mi chiedo come sarà l'ambiente di lavoro dopo il successivo reintegro...

Notizie di oggi

  • Politica

    "Governo parallelo basato su favori, amici e nemici": l'Antimafia disegna il sistema Montante

  • Politica

    Decreto Sicurezza, Orlando aggira gli uffici: avanti con le pratiche di residenza ai migranti

  • Politica

    Sgombero immediato per le case abusive in zone a rischio, via i sindaci che non applicano la legge

  • Cronaca

    "Dal totonero alle scommesse on line", così Splendore è diventato il "re" del gioco

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

  • Le salme di Tonino e Giacomo Lupo tornano allo Zen, il reo confesso: "Mi sono difeso"

Torna su
PalermoToday è in caricamento