Cronaca Strada Statale 120, Tremonzelli

Tremonzelli, a spasso con il "kit del perfetto ladro": cinque denunce

I carabinieri li hanno fermati sulla strada statale 120. Inutile il tentativo di eludere il posto di blocco. Nell’auto cinque romeni che viaggiavano con torce, guanti, cacciavite e un jammeer, un dispositivo che annulla i segnali radio di cellulari, sistemi di geolocalizzazione e allarmi

Il kit del ladro trovato nell'auto sulla quale viaggiavano i 5 romeni

Se ne andavano a spasso con torce, guanti, coltelli a serramanico e un “disturbatore di frequenze”. I carabinieri hanno denunciato cinque romeni, di cui non sono state fornite le generalità, per possesso di strumenti atti allo scasso e detenzione illecita di armi. Nonostante il loro tentativo di eludere un posto di blocco, sono stati fermati sulla strada statale 120, all’altezza di Tremonzelli, dove stavano viaggiando a bordo di una Renault Laguna.

E’ stata proprio quella manovra sospetta a convincere i carabinieri della compagnia di Petralia Sottana, in particolare quelli della stazione di Alimena, che quell’auto in arrivo dall’autostrada, in direzione Caltavuturo, andasse fermata e controllata. A bordo c’era cinque persone, tutte di nazionalità romena, che stavano facendo la loro "gita notturna nella zona madonita". Viaggiavano sul loro mezzo con il "kit del perfetto ladro", costituito da torce, cacciavite, guanti, un flex con tanto di dischi e diverse tenaglie. L’oggetto più insolito ritrovato nel kit è stato un disturbatore di frequenze, conosciuto anche come jammer telefonico.

Si tratta di un apparecchio che interferisce con le frequenze destinate alla telefonia mobile, con i sistemi di geolocalizzazione, con i trasmettitori di dati e con gli allarmi senza fili. "Un oggetto divenuto ormai strumento per commettere atti criminali - spiegano dal Comando - in quanto la sua funzione è quella di disturbare i segnali radio, venendo impiegato per furti di auto, camion carichi di valore e furti nelle abitazioni". Dopo un primo controllo, effettuato con l’ausilio dei carabinieri di Petralia Sottana e Bompietro, i cinque sono stati condotti presso la Procura della Repubblica di Termini Imerese e denunciati a piede libero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tremonzelli, a spasso con il "kit del perfetto ladro": cinque denunce

PalermoToday è in caricamento