Sorpreso su un'auto rubata, fermato dopo 12 minuti d'inseguimento tra le vie del Villaggio

Sei volanti e tre moto dei Falchi hanno interrotto la fuga a tutta velocità di una Jeep Renegade della quale era stato segnalato il furto. Al volante c'era un uomo poi arrestato per resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per ricettazione

L'inseguimento della Jeep Renegade rubata in via Gustavo Roccella

Rocambolesco inseguimento iniziato fra le strade del Villaggio e terminato vicino corso Tukory. Ci sono voluti circa 12 minuti a folle velocità, sei volanti e tre moto dei Falchi per bloccare un’auto rubata che era stata avvistata nella zona di via Ernesto Basile, non lontano dalla cittadella universitaria.

Un uomo di 42 anni, Onofrio Puccio, è stato arrestato ieri sera per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione dopo essere stato bloccato al volante di una Jeep Renegade della quale era stato segnalato il furto la notte precedente in zona Libertà.

Alla vista dei lampeggianti blu l’uomo ha spinto il piede sull’acceleratore e ha tentato di fare perdere le proprie tracce. Dalla sala operativa del 113 però è stata diffusa una comunicazione radio a tutte le pattuglie in servizio che in pochi secondi hanno raggiunto l’obiettivo.

Dopo una serie di "serpentine - spiega la Questura - e pericolose evoluzioni, sfiorando pedoni, automobilisti e centauri, incrociati e letteralmente scansati per un nonnulla" la caccia si è conclusa e gli agenti sono riusciti a circondare il mezzo e a bloccare il fuggitivo.

Di fronte a quella decina di agenti Puccio si è arreso ed è sceso dall'abitacolo, arrendendosi ma opponendo resistenza all'arresto eseguito dagli agenti dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico. L'auto è stata restituita al legittimo proprietario.

Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attenti solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già nel 2016 Puccio era stato ammanettato e accusato di essere evaso dagli arresti domiciliari per rubare un'auto in via Galileo Galilei. A bloccarlo in quell'occasione, grazie alla segnalazione di un testimone, erano stati gli agenti del commissariato Zisa-Borgo Nuovo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso a Palermo: turista di Bergamo è positiva

  • Rissa fuori dalla discoteca, ragazzo di 21 anni muore accoltellato a Terrasini

  • Coronavirus, gli spostamenti della turista bergamasca: "Ha girato per Palermo, indagini su dove è stata"

  • Coronavirus a Palermo, i contagiati tra i turisti bergamaschi salgono a tre

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • Giro di escort in pieno centro: facevano prostituire 10 palermitane, tre arresti

Torna su
PalermoToday è in caricamento