Ruba gioielli e tappeti persiani dalla casa di un anziano, denunciata badante

Nei guai una donna che in passato si occupava come parrucchiera della moglie della vittima. La polizia ha recuperato e restituito gli oggetti preziosi, parte dei quali custoditi nella cassetta di sicurezza di una banca

Il commissariato di polizia San Lorenzo

Quando la moglie era ancora in vita, lei si occupava delle sue acconciature. Dopo la morte dell'anziana donna, essendo ormai di famiglia, era rimasta in quella casa per occuparsi come badante del marito rimasto vedovo. Negli anni però avrebbe approfittato della fiducia conquistata portando via gioielli e tappeti persiani per un valore di 40 mila euro, arrivando ad aprire un conto corrente in cui farsi bonificare i risparmi di una vita. La polizia ha denunciato una donna recuperando i beni sottratti a un anziano, parte dei quali erano stati custoditi nella cassetta di sicurezza di una banca.

Le indagini degli investigatori del commissariato San Lorenzo sono state avviate dopo la denuncia dei familiari dell'anziano, che pian piano ha visto sparire molta roba da casa propria. "La vittima - ricostruiscono dalla Questura - sarebbe stata convinta addirittura a trasferire parte del suo denaro su altro conto corrente, appositamente aperto, dal quale la donna avrebbe effettuato consistenti e ripetuti prelievi". Sia i gioielli che i tappeti sono stati ritrovati dagli agenti e restituiti all'anziano. Adesso la donna dovrà rispondere dei reati di truffa e appropriazione indebita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento