Scoperta una bisca clandestina in un locale del centro, denunciati in 7 a Bagheria

Il gestore, un pensionato, non è stato in grado di esibire alcuna autorizzazione. La sala da gioco è stata sottoposta a sequestro dalla guardia di finanza insieme a tutto il materiale rinvenuto al suo interno

I finanzieri all'interno della sala trasformata in una bisca

Sulle pareti due poster con immagini cristiane, al centro della sala un tavolo con un copritavolo di colore verde sul quale erano poggiati quattro mazzi di carte francesi, una scatola in legno piena di fiches e soldi contanti. La guardia di finanza ha scoperto una bisca clandestina organizzata all'interno di un locale del centro di Bagheria. Sette le persone denunciate per organizzazione e partecipazione al gioco d'azzardo.

Il controllo da parte dei militari della compagnia di Bagheria, finalizzato alla verifica del rispetto delle prescrizioni previste per l'emergenza sanitaria, è scattato dopo aver notato un viavai sospetto in un locale. "Una volta entrati - si legge in una nota - i finanzieri hanno scoperto che veniva praticato gioco d’azzardo in diversi tavoli. Nello specifico i sei avventori del locale erano intenti a giocare a carte utilizzando soldi e fiches".

Il gestore del locale, un pensionato, non è stato in grado di esibire alcuna documentazione che autorizzasse la sala da gioco, sottoposta poi a sequestro insieme a tutto il materiale rinvenuto al suo interno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento