rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Ciaculli / Via Vittorio Corona

Si incatena alla ruspa ma non basta: demolita la villetta abusiva di Ciaculli

E' servita a poco la protesta dell'abusivo di via Vittorio Corona. Le maestranze del Coime, su ordine del Comune, hanno iniziato ad abbattere la villetta

La protesta è servita a poco. E' iniziata la demolizione di una villetta abusiva in via Corona (civico 32), a Ciaculli. Ieri mattina l'uomo che occupava l'appartamento si era incatenato a una ruspa per evitare la demolizione. Nel corso delle operazioni si erano verificati tafferugli tra le forze dell'ordine e l'abusivo. Le attività che ieri erano state sospese, sono riprese oggi. Il Comune ha optato per la demolizione, come si legge in una nota, "a causa dell'inerzia dei responsabili dell'abuso, che avrebbero dovuto adempiere autonomamente, in ottemperanza all'obbligo del ripristino dei luoghi".  

Negli ultimi quattro mesi del 2016 sono state emesse ben 91 nuove ordinanze di demolizione e 65 "accertamenti di inottemperanza", che si tradurranno in nuove demolizioni coattive eseguite dal Comune, se i responsabili degli abusi non provvederanno autonomamente.  

"E' obbligo dell'Amministrazione - spiegano da Palazzo delle Aquile - in caso di inadempienza, procedere alla demolizione in danno, dopo avere acquisito l'area e l'immobile su cui l'abuso è stato realizzato. L'Amministrazione Comunale segnala ai proprietari l'obbligo di demolizione, posta dalla legge a carico dei responsabili degli abusi edilizi, rispetto ai quali l’attività del Comune si pone quale atto dovuto e in via sostitutiva. Le somme impegnate per gli interventi di demolizione vengono successivamente recuperate in danno dei responsabili degli abusi".  

"L'obiettivo di questo piano di interventi - hanno dichiarato il sindaco Leoluca Orlando e il vicesindaco Emilio Arcuri - è quello di controllare il territorio, proteggere l'incolumità pubblica e combattere l'illegalità. Le costruzioni abusive infatti non soltanto sono pericolose per chi le erige e le abita, ma costituiscono una aggressione al territorio di cui spesso minano la stabilità".  L'attività oggi svolta direttamente dalle maestranze del Coime nei prossimi mesi subirà una forte accelerazione, grazie all'affiancamento dell’impresa aggiudicataria della gara di 2 milioni di euro per gli interventi di demolizione di edilizia abusiva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si incatena alla ruspa ma non basta: demolita la villetta abusiva di Ciaculli

PalermoToday è in caricamento