Cronaca

Un pentito: “Dell’Utri tramite nel riciclaggio di denaro da droga”

Secondo il collaboratore di giustizia Gaetano Grado, molto vicino all'ex stalliere di Arcore Mangano, i soldi sarebbero serviti nell'attività di realizzazione di Milano 1 e Milano 2 di Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri

Il procuratore generale Luigi Patronaggio, pubblica accusa al processo d'appello per concorso in associazione mafiosa al senatore del Pdl, Marcello Dell'Utri, ha chiesto la citazione come teste del pentito Gaetano Grado. Il collaboratore di Giustizia, interrogato dalla Direzione Nazionale Antimafia ad agosto, ha riferito che Dell'Utri avrebbe fatto da tramite nel riciclaggio di denaro proveniente da un traffico di droga dalle cosche nell'attività di realizzazione di Milano 1 e Milano 2 di Silvio Berlusconi.

Grado, molto vicino all'ex stalliere di Arcore, il mafioso Vittorio Mangano, ha anche parlato di un piano della mafia dei clan sconfitti dai corleonesi per uccidere lo stesso Mangano. Questi, alleatosi con Totò Riina, voleva subentrare ai boss Teresi e Bontade nella gestione del flusso di denaro da riciclare nelle attività dell'ex premier, perciò Grado, alleato dei due capi mafia uccisi dai corleonesi, avrebbe deciso di eliminarlo stringendo un accordo con i clan perdenti della camorra che avrebbero dovuto eseguire il delitto.

Il particolare sarebbe stato confermato dal camorrista pentito Bruno Rossi del quale il pg ha chiesto l'interrogatorio. Sulle istanze la difesa del senatore, rappresentata dall'avvocato Giuseppe Di Peri, si è riservata di interloquire alla prossima udienza del 7 ottobre, Data in cui la corte deciderà se ammettere le deposizioni dei due collaboratori di giustizia. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un pentito: “Dell’Utri tramite nel riciclaggio di denaro da droga”

PalermoToday è in caricamento