Cronaca

Dell'Utri tornerà in cella dopo le cure: "Il carcere non lede i diritti"

Questa volta a pronunciarsi sulla detenzione dell'ex senatore palermitano è il tribunale di sorveglianza di Roma. I suoi legali: "Dell’Utri è ricoverato in ospedale in una stanza illuminata anche di notte, dove non può aprire la finestra perché sigillata e deve dormire con la luce in faccia"

Marcello Dell'Utri

Marcello Dell'Utri resta in carcere. O meglio, ci torna. Dopo le cure. Lo ha deciso il tribunale di sorveglianza di Roma che, per la terza volta nel giro di pochi mesi, ha bocciato il ricorso discusso sei giorni fa dai difensori dell'ex senatore palermitano di Forza Italia che chiedevano la sospensione della pena per gravi motivi di salute. Per i giudici, invece, "le attuali condizioni di detenzione di Dell'Utri non ledono i diritti umani".

Dell'Utri, che sta scontando una condanna a 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa, è attualmente ricoverato, in regime di detenzione, nel Campus Biomedico per un tumore alla prostata e sta effettuando un ciclo di radioterapia che si concluderà  fra una settimana. Il 18 aprile, secondo quanto annunciato dall'avvocato Alessandro de Federicis, Dell'Utri, che è affetto anche da cardiopatia e diabete, farà rientro a Rebibbia.

Dell’Utri dal 14 febbraio scorso è ricoverato nella struttura ospedaliera, "piantonato h24, in una stanza illuminata anche di notte, dove non può aprire la finestra perché sigillata e deve dormire con la luce in faccia”, avevano denunciato i suoi legali davanti ai giudici, sottolineando che tali condizioni non solo non permettevano cure adeguate, ma mettevano a rischio i diritti umani di base. Sei giorni fa anche la Corte europea dei diritti umani aveva detto no a Dell’Utri. 

E sempre nei giorni scorsi inoltre è stata presentata una denuncia al Csm contro sei magistrati dello stesso tribunale capitolino per violazione disciplinare. Si chiede al Consiglio superiore della magistratura di valutare il comportamento, definito "superficiale e inerte", dei giudici che hanno deciso in merito alla compatibilità tra la detenzione in carcere e il suo stato di salute.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dell'Utri tornerà in cella dopo le cure: "Il carcere non lede i diritti"

PalermoToday è in caricamento