rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Bonagia / Via Cingallegra

La vergogna dei sottopassi in viale Regione: in quello di Falsomiele c'è persino un'auto bruciata

Degradati e pieni di rifiuti, sono di fatto inaccessibili ai pedoni che vogliono attraversare la circonvallazione. La denuncia del consigliere leghista Gelarda: "Situazione allarmante, urge una maxi bonifica. Il Comune chieda anche dei finanziamenti al ministero dell'Interno per installare telecamere di videosorveglianza"

Degrado, sporcizia, quel che resta di un motorino e persino la carcassa di un'auto bruciata: ecco come si presenta oggi il sottopasso di viale Regione all'altezza di Borgo Ulivia. Ma in generale sono tutti i sottopassi della circonvallazione ad essere in condizioni vergognose.

A lanciare l'ennesimo allarme su una situazione ormai fuori controllo è Igor Gelarda, capogruppo della Lega in Consiglio: "Davanti al giardino di via Cingallegra, nel quartiere Falsomiele-Borgo Ulivia, il sottopasso che dovrebbe consentire l'attraversamento della circonvallazione è inaccessibile ai pedoni".

"Non sembra di essere neanche in Italia - continua Gelarda -. Abbiamo trovato oltre la carcassa di un'auto, quella di un paio di motori, e poi, siringhe, materassi e rifiuti ingombranti. e' necessario intervenire immediatamente per bonificare la zona e chiedere anche dei finanziamenti al ministero dell'Interno per installare delle telecamere di videosorveglianza".

In realtà tutti i sottopassi di viale Regione Siciliana sono in stato pietoso, di fatto inutilizzabili dai pedoni. "Ingombranti, erba alta e siringhe ovunque. In alcuni ci sono evidenti infiltrazione di acqua, in altri sembrano esserci proprio problemi strutturali. Manca l'illuminazione, mancano i gradini perché il basolato in marmo ha ceduto, le pareti sono rigonfiate. Serve un intervento urgente di bonifica dell'intera rete dei sottopassi della città", conclude Gelarda.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La vergogna dei sottopassi in viale Regione: in quello di Falsomiele c'è persino un'auto bruciata

PalermoToday è in caricamento