Cronaca

Violenza sulle donne, a Palermo partner colpevole in nove casi su dieci

Nel 94% dei casi invece gli episodi di maltrattamento si svolgono tra le mura domestiche. I dati, che si riferiscono al tutto il 2010, emergono dal centro antiviolenza "Le Onde onlus". Poche le denunce

Violenza sulle donne, a Palermo 9 volte su 10 il colpevole è il partner

La violenza è la prima causa di morte o di invalidità per le donne. In Italia il 78,7% ne è rimasta vittima, ma quasi nessuna lo denuncia alle forze dell'ordine. Nella quasi totalità dei casi (94%), a Palermo gli episodi di violenza si svolgono tra le mura domestiche e il “carnefice”, nove volte su dieci è proprio il partner. A scattare la fotografia è il centro antiviolenza “Le Onde onlus”, che ha presentato oggi i dati relativi al 2010, in occasione di un incontro organizzato dal Coordinamento dei centri antiviolenza siciliani.

Le donne che, nell'ultimo anno, si sono rivolte al centro “Le Onde onlus” sono state 562, di età compresa, per il 60% dei casi, tra i 30 e i 50 anni. Solo il 15% aveva tra i 20 e i 30 anni, mentre le vittime con meno di 20 anni sono state solo il 2%. Il dieci per cento sono di nazionalità straniera, un dato raddoppiato rispetto al 2008. Per quanto riguarda la tipologia di abusi nel 55% dei casi sono violenze fisiche, psicologiche nel 65%, nel 29% economiche, mentre solo il 15% delle donne che si sono rivolte al centro hanno denunciato episodi di stalking, un fenomeno definito, comunque, “marginale” rispetto al quadro generale.

Il Coordinamento e la Rete antiviolenza della città di Palermo hanno messo in rilievo “la necessità di attuare interventi di prevenzione nelle scuole, sensibilizzazione, ma anche la necessità di rafforzare i centri antiviolenza, avviare servizi pubblici e privati di primo contatto, case rifugio per le donne e i loro figli ed interventi di inclusione sociale e lavorativa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sulle donne, a Palermo partner colpevole in nove casi su dieci

PalermoToday è in caricamento