rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza nei luoghi di lavoro, a Palermo diminuiscono gli infortuni ma aumentano le malattie professionali

Da una verifica delle aziende controllate, inoltre, è emerso l'aumento del 22,70%, da 2.752 a 3.377 unità, dei lavoratori irregolari o del tutto in nero in Siicilia. I dati sono emersi nel corso dell'evento informativo "Focus e controlli". La Cgil: "Chi non rispetta leggi e contratti va sanzionato"

Diminuiscono gli infortuni e aumentano le malattie professionali. A Palermo nel corso di un anno, dal febbraio 2022 al febbraio 2023, gli infortuni sono scesi da 527 a 393. Ma nello stesso periodo si è registrato un aumento di malattie professionali, che salgono da 15 a 38. Da una verifica delle aziende controllate, è risultato in Sicilia tra il 2021 e il 2022 un consistente aumento, del 22,70%, da 2.752 unità a 3.377, dei lavoratori irregolari o del tutto in nero.  

Sono alcuni dati emersi, nell'ambito della Giornata mondiale sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, al meeting organizzato dal comitato consultivo provinciale Inail presso l’Asp Palermo. L'evento informativo, dal titolo "Focus e controlli", è stato co-organizzato e patrocinato dalla direzione territoriale Inail di Palermo, dall’Asp 6, dalla Regione Siciliana e da Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Anmil, Confartigianato, Confcommercio, Confagricoltura, Sicindustria e Federmanager.

"Occorrono azioni concrete per porre fine agli infortuni, ai morti sul lavoro e alle malattie professionali - ha detto nel suo intervento, in rappresentanza della Cgil Palermo, la segretaria Laura Di Martino -. Bisogna diffondere la cultura della sicurezza la prevenzione, la formazione costante e l’informazione e colmare con le assunzioni i vuoti in organico all’ispettorato del lavoro e nei servizi di medicina del lavoro. Chi non rispetta leggi e contratti va sanzionato e per fare ciò è necessario intensificare i controlli e il coordinamento tra gli enti preposti: ispettorato del lavoro, Asp, Inail,  Inps e parti sociali. Va inoltre garantito il pieno esercizio delle funzioni agli Rls e agli Rlst. Anche per queste ragioni il 20 maggio saremo a Napoli a manifestare, perché non si può continuare ad ammalarsi o morire sul lavoro". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza nei luoghi di lavoro, a Palermo diminuiscono gli infortuni ma aumentano le malattie professionali

PalermoToday è in caricamento