menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ingombranti emergenza infinita: nel 2020 raccolte 5 mila tonnellate, l'equivalente di 2 mila camion

Anche i dati del 2021 confermano un trend in aumento: l'anno scorso la Rap ha effettuato 50 mila interventi, 8.965 "pezzi" rimossi solo a febbraio. Norata: "Dopo le bonifiche nell'arco di 12 ore strade di nuovo piene di rifiuti". Li Causi: "Si utilizzino i Ccr o il servizio a domicilio"

Aumentano i rifiuti ingombranti abbandonati per le strade della città. Oltre 50 mila gli interventi effettuati nel 2020 dalla Rap, che ha raccolto qualcosa come 5 mila tonnellate d'ingombranti, l'equivalente di circa 2 mila camion scarrabili.

Numeri monstre che danno la portata di un fenomeno - un mix di mancanza di rispetto per l'ambiente e inciviltà, che sfocia spesso in comportamenti criminali - duro a morire. Persino di fronte al rischio di beccarsi multe che, a seconda dei casi, possono variare da 600 a 1.200, fino a raggiungere i 20 mila euro di sanzione penale per l’abbandono dei rifiuti speciali e pericolosi.

Per la Rap lo sforzo è quotidiano e, come dice il presidente Giuseppe Norata, "viene vanificato da nuovi sversamenti illegali perpetrati nell’arco di 12 ore dall’intervento di bonifica". Insomma, non si fa in tempo a pulire che subito vengono abbandonati altri ingombranti. "Nelle ultime 48 ore - prosegue Norata - tecnici e operatori dell’azienda hanno segnalato scarichi illegali di materiali di ogni sorta in più aree della città. A farla da padrone ancora una volta gli ingombranti di grossa taglia come i divani e un numero considerevole di materassi. A ciò si aggiungano i cumuli di inerti e di scarti edili disseminati ovunque". 

La raccolta degli ingombranti attraverso squadre dedicate della Rap alla fine pesa sulle tasche dei cittadini. Il conto è di quelli salati, anzi salatissimi: 2,5 milioni di extra costi. "L’inciviltà dello 'sbarazzo', sia esso fatto da 'professionisti' o occasionali, non si è fermato nemmeno nel 2020, anno della pandemia - afferma il direttore generale della Rap, Roberto Li causi -. Dopo una flessione registrata solo nel corso del lockdown nazionale della scorsa primavera, gli scarichi indiscriminati di materiali di ogni sorta sono ripresi con numeri preoccupanti in tutta la città, costringendoci ad onerosi interventi di ripristino del decoro. Nel primi due mesi del 2021, purtroppo, il trend rimane identico".  

A febbraio sono stati rimossi 8.965 ingombranti, per un totale di 217 le vie interessate da attività straordinarie di recupero dei rifiuti, che vengono in seguito avviati alle rispettive filiere di trattamento. "Il ripetuto atteggiamento di noncuranza al rispetto delle regole finalizzate ad una migliore qualità della vita da parte di alcuni cittadini - aggiunge Li Causi - finisce per scaricare sulla collettività obblighi e responsabilità che tutti sono tenuti ad osservare". Da qui l'appello alla cittadinanza a segnalare alla polizia municipale "gli atti che violano il decoro della nostra città" e ad "utilizzare i Centri comunali di raccolta (Ccr) o il servizio a domicilio per disfarsi dei rifiuti ingombranti". Il servizio prevede il prelievo al piano stradale e viene fornito su appuntamento tramite il numero verde 800-237713. 

Nei prossimi giorni, la Rap sarà impegnata nell'ennessima raccolta straordinaria in giro per la città: si parte dal Cep e da Borgo Nuovo, dove è stato riscontrato il maggior quantitivo di ingombranti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento