Sputi in sala d'attesa, calci e pugni: giovane denunciata all'ospedale Civico

Una ragazza di 25 anni di origini brasiliane, ancora ubriaca e soccorsa poco prima per strada, è stata fermata dai carabinieri dopo aver mandato in frantumi il vetro di una porta. Nella colluttazione le guardie giurate sono rimaste lievemente ferite

La porta del Civico dopo una riparazione di fortuna

Momenti di tensione al pronto soccorso del Civico. Una giovane brasiliana è stata fermata dai carabinieri per lesioni personali, danneggiamento e interruzione di pubblico servizio. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, mentre si trovava al pronto soccorso, la 25enne (soccorsa in strada in stato di ubriachezza) è andata su tutte le furie danneggiando la porta della sala d'attesa e mandandola in frantumi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il caos la ragazza avrebbe sputato addosso a qualcuno fra i presenti in sala, per poi scagliarsi contro due guardie giurate che erano intervenute per riportare la calma. Un'aggressione fisica e verbale che i metronotte sono riusciti a contenere a stento. Solo l'arrivo di una pattuglia dei carabinieri infatti è servito a scongiurare il peggio. Il personale dell’istituto privato di vigilanza ha riportato ferite guaribili in 20 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Moggi: "Padre Pio è apparso in sogno a una signora di Palermo e ha fatto una profezia su di me"

  • I vicini non la vedono da giorni, vigili del fuoco sfondano la porta: trovata morta in casa

  • Coronavirus, in Sicilia sospeso l'avvio della stagione balneare

  • Coronavirus, amanti seminudi in auto a Brancaccio: arriva la polizia, multa pagata sul posto

  • Un cerotto contro il Covid-19: il vaccino scoperto dagli scienziati Usa gemellati con Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento