Cronaca

Da Sferracavallo al centro storico, multe e sanzioni per la movida selvaggia

Tre ristoranti sono stati multati per occupazione abusiva del suolo pubblico nella riserva naturale di Capo Gallo e due pub di corso Vittorio Emanuele dovranno restare chiusi per 5 giorni per violazione delle norme anti-Covid

Tre ristoranti della borgata marinara di Sferracavallo, tutti e tre in via Torretta, sono stati multati dagli agenti della polizia municipale perché occupavano il suolo pubblico senza averne l'autorizzazione, violando quindi il regolamento sui dehors. I gestori sono stati segnalati all'autorità giudiziaria per invasione del suolo pubblico e per aver deturpato una porzione di suolo nella riserva naturale di Capo Gallo. Inoltre, i tre erano sprovvisti dell'autorizzazione sanitaria per la somministrazione di alimenti e bevande all’aperto. I verbali ammontano complessivamente a oltre 4500 euro.

Nel corso dei controlli sul territorio, finalizzati al contrasto dell’abusivismo e alla verifica del rispetto delle misure di contenimento del Covid, gli agenti sono stati contattati dalla centrale operativa, su segnalazione dei residenti, per verificare l’attività di musica e ballo in corso Vittorio Emanuele. Al loro arrivo, in due diversi locali era in effetti in corso una serata con musica su strada e numerose persone che ballavano prive di mascherine e assembrate. Con l’ausilio della polizia di Stato è stato riportato l’ordine e gli avventori sono stati allontanati; gli agenti della Municipale hanno provveduto a sanzionare i gestori dei pub per un importo di 400 euro ciascuno e a porre sotto sequestro amministrativo per 5 giorni i locali, sanzione accessoria prevista per la violazione delle misure anticovid da parte delle attività.

"Apprezzamento per l'attività svolta  quotidianamente dalla polizia municipale a garanzia del rispetto delle regole e del vivere civile", ha commentato il vice sindaco, Fabio Giambrone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Sferracavallo al centro storico, multe e sanzioni per la movida selvaggia

PalermoToday è in caricamento