Cuoricini su Instagram a una ragazzina, sedicenne pestato dal padre del fidanzato

Apprezzamenti a una tredicenne già "impegnata": un sedicenne è stato picchiato brutalmente nel parcheggio del centro commerciale Poseidon e rischia di perdere l'occhio. L'uomo, un 33enne, è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di lesioni aggravate

Picchiato brutalmente per avere messo due cuoricini su Instagram a una ragazzina già fidanzata. E’ bastato questo a un sedicenne di Capaci per finire in ospedale: pestato a sangue con il rischio di perdere un occhio per essersi lasciato andare ad apprezzamenti sui social a una tredicenne. A organizzare la spedizione punitiva, messa in atto nel parcheggio del centro commerciale Poseidon, è stato il padre del "rivale" in amore. Si tratta di un 33enne di Isola delle Femmine. L'uomo - secondo quanto riporta il sito di RepubblicaPalermo - è stato fermato dai carabinieri con l’accusa di lesioni aggravate da futili motivi e dalla minore età della vittima, che è stata ricoverata in ospedale lunedì sera in codice rosso.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, coordinati dalla Procura di Palermo, la vicenda ha avuto inizio a fine gennaio scorso. Tutto per qualche commento ritenuto inappropriato dal fidanzatino della ragazza (entrambi hanno 13 anni) e dalla famiglia. Due cuoricini su Instagram e la frase “latina loca” pubblicata sotto la foto di una ragazzina fidanzata. I commenti hanno scatenato un attacco di gelosia cui è seguito, uno scambio di messaggi, insulti e minacce. La diatriba sembrava essere arrivata alla conclusione quando la rabbia si è trasformata in violenza.

Il 33enne avrebbe quindi dato appuntamento alla vittima nel centro commerciale, rassicurandolo sulle sue buone intenzioni. Quel giorno però l’uomo non si è presentato da solo nel parcheggio del Poseidon, arrivando invece insieme al fratello, al figlio “rivale” in amore e ad altri due ragazzini. Dopo un breve scambio di battute la vittima sarebbe stata colpita con calci e pugni. Il fidanzatino furioso gli avrebbe anche sbattuto la testa a terra, minacciandolo di ritorsioni qualora avesse chiamato la polizia o sporto denuncia.

La vittima, che era insieme a un amico rimasto impietrito dalla paura, è riuscito ad allontanarsi con non poca fatica. Salvo poi dovere tornare nel parcheggio dove temeva di aver perso cellulare e portafogli. E via con il secondo round, i suoi aggressori non erano ancora andati via. Il 33enne con il figlio avrebbe quindi ripreso a picchiare il sedicenne con calci e pugni in tutto il corpo, come dimostrato dalle foto scattate al pronto soccorso dai medici e poi inserite nel fascicolo affidato al sostituto procuratore Giorgia Spiri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento