Cronaca Tribunali-Castellammare / Via Giovanni Meli

La Sicilia incontra il Lazio in cucina: un gemellaggio di tradizioni golose

Due appuntamenti interessanti all'Oliver Wine House e al ristorante Tina Pica hanno accolto in città Dario Tornatore e la cucina laziale. Il mese prossimo sarà il turno del palermitano Gaetano Billeci a Frascati

Il team romano e palermitano al Tina Pica

Un gemellaggio del gusto. Un modo per far conoscere la tradizione della cucina romana e palermitana. Un’idea simpatica e interessante quella nata dai giovani chef Gaetano Billeci e Dario Tornatore che ha avuto come prima questo week end Palermo.

I due giovani chef si sono conosciuti a Londra, dove hanno vissuto diversi anni, perfezionando la loro tecnica ed arricchendosi sempre di più di esperienza in ristoranti pluristellati londinesi, come il "40/30" dell’ormai famoso chef Gordon Ramsay, situato all'ultimo piano del noto grattacielo Gherkin. Dopo l’aperitivo di domenica in uno dei locali più noti della movida palermitana, l’Oliver Wine House, in via della Libertà 92, ieri sera è stata servita al Tina Pica un menù tipicamente romano. Non mancava assolutamente nulla dalla porchetta, alla trippa, fino al maritozzo con la panna.

Il mese prossimo sarà la volta di Gaetano Billeci, trent’anni, al ristorante “Il Cybo” a Frascati: “Porterò la cucina tradizionale a Roma, - dice – quella meno conosciuta come la pasta con i broccoli in tegame. Tuttavia partirò sempre da elementi di alta qualità dal maialino nero dei Nebrodi al cioccolato di Modica”. Soddisfatto anche il cuoco ventisettenne, napoletano di origine, ma cresciuto a Roma Dario Tornatore: “Credo che la forza delle due tradizioni culinarie sia la povertà e la qualità degli elementi. La serata al  è stata un successo sono certo che la seconda parte del gemellaggio a Roma non sarà da meno”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Sicilia incontra il Lazio in cucina: un gemellaggio di tradizioni golose

PalermoToday è in caricamento