rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Definì "porco" l'ex procuratore di Firenze che l'avrebbe molestata: censura per il pm Alessia Sinatra

La sezione disciplinare del Csm ha sanzionato il magistrato per "comportamento gravemente scorretto" in relazione ad alcuni messaggi inviati all'ex magistrato Luca Palmara in cui si riferiva al collega Giuseppe Creazzo, già condannato dallo stesso organismo

La sezione disciplinare del Csm ha deciso di sanzionare con la censura il sostituto procutore Alessia Sinatra, da anni in servizio a Palermo, per "comportamento gravemente scorretto". Nello specifico, nel 2019, in uno scambio di messaggi con l'ex magistrato Luca Palamara, Sinatra aveva definito più volte "porco" l'ex procuratore di Firenze Giuseppe Creazzo, in quel momento candidato alla guida degli uffici giudiziari di Roma.

Un appellativo scelto non a caso, visto che Sinatra aveva anche raccontato di aver subito delle molestie sessuali da parte di Creazzo, che è stato condannato a sua volta alla perdita di due mesi di anzianità nel 2021. La denuncia del comportamento dell'ex procuratore di Firenze aveva però fatto finire sotto procedimento anche la pm, che per anni si è occupata di violenze e abusi su donne e bambini. Oggi la decisione del Csm.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Definì "porco" l'ex procuratore di Firenze che l'avrebbe molestata: censura per il pm Alessia Sinatra

PalermoToday è in caricamento