Finti dietologi e pasticche alla frutta per dimagrire, in 12 rischiano il processo

Chiusa l'inchiesta con la quale, a febbraio, la guardia di finanza aveva scoperto come all'interno di un'associazione di Cruillas sarebbero stati smerciati integratori "miracolosi" e costosi per imbrogliare centinaia di persone. L'accusa è di truffa

Pillole e integratori a base di mirtillo, ananas o rosa canina per dimagrire in tempi record e senza grandi sacrifici, quasi per magia. E’ questo che sarebbe stato prescritto – senza alcun titolo per farlo – a centinaia di persone che si erano rivolte all’associazione “Tra sole e luna – Amici della natura” di Cruillas: un truffa in piena regola, secondo la Procura, tanto che a febbraio erano scattate 12 denunce e un sequestro da 135 mila euro. Ora l'aggiunto Sergio Demontis e il sostituto Laura Siani hanno chiuso l’inchiesta e si apprestano a chiedere il rinvio a giudizio.

Com’era emerso dalle indagini della guardia di finanza, l’unico scopo degli indagati sarebbe stato quello di smerciare – e a caro prezzo - le pasticche della “Star Dust”, un’azienda americana, anche al costo di prescriverle a chi avrebbe avuto gravi problemi di salute ed invitando pure a sospendere l'assunzione di eventuali farmaci. Chi voleva dimagrire, secondo l’accusa, avrebbe dovuto necessariamente tesserarsi all’associazione, pagando dai 30 ai 50 euro all’anno, e poi avrebbe potuto ottenere il programma di dimagrimento miracoloso. Sul desiderio di rimettersi in forma rapidamente i 12 indagati avrebbero dunque speculato e sarebbero arrivati a truffare centinaia di persone intascando almeno 135 mila euro. Nessuno in quella struttura di Cruillas, dicono gli inquirenti, avrebbe avuto i titoli per prescrivere cure dimagranti.

A rischiare il processo adesso sono Giuseppa Nastasi, impiegata amministrativa dell’ospedale Cervello e presidente dell’associazione, le sue presunte aiutanti Ester Orofino, Maria Lopez, Concetta Santoro, Claudia Mutolo, Maria Iacono, Giovanna Gelardi, Rita Baucina, Antonina Favaloro e Cinzia Beluto, oltre a Edoardo ed Eugenio Nastro Siniscalchi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da alcune intercettazioni era venuto fuori come in alcuni casi i pazienti sarebbero stati visitati a distanza, via chat, e si sarebbe persino arrivati a consigliare le pillole a base di frutta e erbe per potenziare il sistema immunitario di due gemelline di appena 7 anni, ma anche per tentare di risolvere i problemi di infertilità di una coppia. Accuse che gli indagati hanno respinto, sostenendo che si sarebbero limitati a dare consigli sull’utilizzo degli integratori. Il tribunale del riesame aveva annullato parzialmente i sequestri per una parte di loro, difesi tra gli altri dagli avvocati Cinzia Pecoraro, Antonio Pecoraro, Giusi Scrudato e Carmela Re.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Via dell'Arsenale, donna si lancia dal balcone e muore

  • Malore mentre fa il bagno al mare, morta una donna a Mondello

  • Bimbo cade dal letto e muore a soli 10 mesi, i suoi organi salvano due vite

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento