Cronaca

A19, Crocetta chiede 375 milioni di euro a Roma: "Bretella pronta in tre mesi"

Grande attesa per il responso del Consiglio dei Ministri che si pronuncia sullo stato d’emergenza chiesto dal governatore il cedimento del viadotto Himera e altri interventi "paralleli": "Servono 30 milioni per contenere la collina di Caltavuturo"

La Sicilia chiama Roma e chiede 375 milioni. C'è grande attesa per il responso del Consiglio dei Ministri che domani dovrebbe pronunciarsi sullo Stato d’emergenza chiesto dalla Regione per la frana di Caltavuturo e il cedimento del viadotto Himera. La Sicilia ha chiesto in totale un contro da 375 milioni complessivi. Trenta di questi serviranno per realizzare la bretella di collegamento.

"Per il ponte Himera chiederemo lo stato di emergenza, sarà l'Anas a occuparsi del progetto - ha spiegato Crocetta -. Servono 30 milioni per bloccare le frane, contenere la collina di Caltavuturo, fare la bretella sul ponte Himera e riattivare la circolazione. Per ricostruire il ponte ci vorrà almeno un anno e mezzo. Per la bretella credo che possa essere pronta in tre mesi".

Intanto però la Sicilia resta divisa in due e si moltiplicano i disagi per i cittadini. A pagare il prezzo più alto è chi, quella strada, la percorreva per lavoro. Secondo Coldiretti "un'azienda che trasporta prodotti agricoli da Palermo al siracusano a causa del crollo del pilone dello scorso 10 aprile ha già speso, in media, 3.200 euro a camion. Sono 100 euro al giorno in più determinati dal costo del carburante e del doppio autista a cui va sommato il consumo del mezzo. Per gli agricoltori si tratta di spese che non possono essere sostenute".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A19, Crocetta chiede 375 milioni di euro a Roma: "Bretella pronta in tre mesi"

PalermoToday è in caricamento