menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo in via Bagolino, un testimone: “Così ho visto salvare una bimba”

“Ho visto uscire dalle macerie un vigile del fuoco con in braccio una bambina”. Sul posto i parenti delle vittime: “La palazzina dava segnali preoccupanti come la deformazione dei pavimenti e dei muri”. Continuano intanto le ricerche delle due donne disperse

Continuano le operazioni di ricerca delle due donne disperse dopo il crollo delle due palazzine di via Sebastiano Bagolino, nella zona di via dei cantieri. Al momento operano due escavatori dei vigili del fuoco per rimuovere le macerie. La via è stata transennata. Solitaria all’angolo con via Aloisio Juvara, è rimasta in piedi una palazzina di 3 piani al civico 55, prima unita alle altre due case. Tutto è ricoperto da uno strato di polvere.

Tra i testimoni presenti sul luogo dopo il crollo Gaspare Camarrone, che abita accanto agli edifici crollati e racconta di aver visto uscire dalle macerie un vigile del fuoco con in braccio una bambina, trasportata all'ospedale di Villa Sofia, dov’è in buone condizioni.

Parla anche una signora che vive nella palazzina attigua a quelle rovinate e rimasta miracolosamente in piedi. "Stavo tornando a casa e sono stata investita da una nuvola di polvere – racconta – fortunatamente della nostra palazzina si sono salvati tutti ma ora, secondo i vigili, la casa e' inagibile perchè si è lievemente inclinata".

Sul posto anche numerosi parenti delle due vittime e delle due donne disperse. "Sotto le macerie - piange una signora – sono rimasti mio suocero e mia suocera. Secondo alcuni testimoni mia suocera, al momento del crollo era affacciata".

"Spero che sotto i calcinacci si sia creato un vuoto e mia madre si sia salvata – dice invece Antonino Accardi il figlio di Ignazio, l'anziano di 82 anni il cui cadavere è stato recuperato, e di Maria La Mattina 80 anni, che risulta ancora dispersa -. La palazzina negli ultimi tempi presentava dei segnali preoccupanti di un possibile cedimento, come la deformazione dei pavimenti e dei muri. Già mia madre aveva difficoltà a chiudere le porte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento