rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca Cinisi

Cinisi, dal Monte Pecoraro piovono massi: paura per due famiglie, villette evacuate

Una donna residente in una villetta che si trova proprio sotto la montagna racconta: "Tremavo come una foglia e tremo ancora. C'è ancora un masso sospeso che può cadere da un momento all'altro". Chiuso il tratto di strada interessato dai crolli. Vigili dei fuoco e polizia municipale sul posto

Paura per una mamma e per sua figlia, 21 anni, ieri sera a Cinisi. Un grosso masso si è staccato dal costone roccioso di Monte Pecoraro finendo contro la recinzione che costeggia la loro casa in via Casimiro Abbate, la strada che costeggia l'autostrada Palermo Mazara del Vallo. "Verso le 18,30 - racconta a PalermoToday l'inquilina Rosalinda Palazzolo - abbiamo sentito un boato di rimpalzo e abbiamo capito subito quello che era successo. Ci siamo nascoste sotto il tavolo in soggiorno. Poi dopo qualche minuto di silenzio mi sono affacciata e ho visto che una pietra aveva sfondato la recinzione di casa mia e il motore dell'acqua". 

A riportare dei danni anche un'altra villetta. "Anche il pilastro del cancello di casa di mia cugina è stato colpito. E in autostrada c'è stato anche un incidente, forse provocato da un altro masso". Sul posto subito dopo il crollo sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri. "Ci hanno detto che dovevamo evacuare la casa perchè c'è ancora un masso sospeso che può cadere da un momento all'altro". 

Cinisi, crollo massi dal Monte Pecoraro

La donna e sua figlia hanno dormito fuori, a casa della nonna della ragazza. "Stamattina sono rientrata a casa. Adesso qui - racconta Palazzolo - ci sono i vigili del fuoco e la polizia municipale. Stanno rimuovendo i massi caduti e controllando quello rimasto sospeso". Il tratto di strada interessato dai crolli è stato chiuso. "Per raggiungere casa ho dovuto fare circa 500 metri a piedi". Anche questa sera la donna non potrà dormire nella sua abitazione. "Siamo a rischio, ieri sera tremavo come una foglia e tremo ancora. La montagna va messa in sicurezza". 

"Da anni - spiega a PalermoToday l'ex assessore, ora consigliere comunale Leonardo Biundo che si trova sul luogo dell'accaduto per un sopralluogo - si sta lavorando per la messa in sicurezza del costone e mi auguro che a breve il problema si possa risolvere definitivamente".  "Nelle prossime ore - annuncia il sindaco Palazzolo - per quattro famiglie di Cinisi scatterà un’ordinanza di sgombero".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinisi, dal Monte Pecoraro piovono massi: paura per due famiglie, villette evacuate

PalermoToday è in caricamento