Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Partanna-Mondello / Piazza Mondello

Mondello, la crisi fa un'altra vittima: chiude per sfratto il Renato bar

I titolari dell'esercizio commerciale hanno deciso di alzare bandiera bianca: impossibile pagare un affito da capogiro con la crisi economica attuale. Entro fine gennaio dovrebbero lasciare i locali, mandando a casa una dozzina di dipendenti. Aperta pagina solidale su Facebook

Il Renato bar di Mondello (foto Google)

Un'altra impresa "storica" di Palermo che se ne va. I titolari del Renato bar, il famoso esercizio commerciale che si trova nella piazza principale di Mondello, hanno annunciato l'intenzione di alzare bandiera bianca, strozzati dalla crisi e da un canone di locazione con cifre da capogiro, con il rischio di mandare a casa una dozzina di lavoratori alla fine del mese.

Alle condizioni attuali, con la borgata marinara "morta" nel periodo invernale tra i suoi pochi abitanti e gli ancor meno turisti, il bar non riuscirebbe a far quadrare i conti. Specie se si trova costretta a pagare un affitto da circa 15 mila euro ai titolari dei locali. "Chiudiamo per sfratto. Il proprietario del locale - ha spiegato Valeria Pagano - amministratrice della società Renato group srl - non vuole sentire ragioni e non valuta la crisi e le condizioni in cui siamo costretti a vivere a Mondello, soprattutto d'inverno, quando gli unici che si vedono in piazza sono i vigili urbani". E lo sfratto esecutivo, ha spiegato l'amministratrice, è pronto per il 29 gennaio.

E il colpo lo avrebbero accusato anche i tanti frequentatori del posto che, spinti dalla solidarietà, hanno aperto una pagina Facebook per creare una sorta di "petizione in piena regola" a "colpi di like": "No! Un altro bar storico non può chiudere a Palermo. Facciamoci sentire - si legge in uno degli ultimi post - affinché il barone Colonna ritorni sui suoi passi e abbassi l'affitto affinché l'attività possa continuare come possano continuare le famiglie a vivere del loro lavoro. Proprio perché è un momento storico delicato e la crisi forte e schiacciante - proseguono - un po' di umanità illumini il proprietario dei locali di Renato bar. Credo anche per lui sia meglio un affitto minore ma sicuro che nulla. E' così la morte piano piano di una borgata storica e affascinante".

IL COMMENTO - "Renato bar simbolo di una borgata che oggi paga a caro prezzo - ha spiegato il consigliere della settima circoscrizione Eduardo De Filippis - una scelta ardua per una situazione economica difficile che attanaglia il nostro paese. Certo l'amministrazione ci mette del suo, su Mondello si parla di rivoluzioni da anni, si sperimenta, si progetta ma mai nulla diventa esecutivo. Certe volte credo che Mondello dovrebbe diventare un Comune. Con loro ho lanciato negli ultimi anni il primo servizio gratuito di wifi in una piazza di Palermo, insieme a loro ho organizzato gli eventi musicali delle ultime tre stagioni estive ed insieme a loro abbiamo lottato per portare un minimo di decoro nella borgata di Mondello. E' chiaro che la pubblica amministrazione dovrebbe intervenire per salvare in tutta la città quei simboli che sono diventati storia da raccontare".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondello, la crisi fa un'altra vittima: chiude per sfratto il Renato bar

PalermoToday è in caricamento